Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

17

mello, bianco come i precedenti, e che s’avanzava dondolandosi come una nave in alto mare.

Attesero, rimanendo vicini l’uno all’altro e silenziosi, finchè giunse il nuovo viaggiatore che discese ed avanzò ad incontrarli.

— «Pace a te, o mio fratello» — egli disse mentre abbracciava l’Indiano. E l’Indiano rispose: — «Sia fatto il velere di Dio!» —

L’ultimo arrivato non rassomigliava affatto ai suoi amici; la sua persona era più snella; la carnagione bianca; un volume di capelli chiari ondulati coronava la sua testa piccola ma bella, e i suoi grandi occhi neri davano segno di molta intelligenza, di natura sincera e di un carattere forte.

Aveva il capo scoperto ed era privo di armi. Sotto le pieghe della coperta bianca, ch’egli indossava con grazia, appariva una tunica scollata e dalle maniche corte, fermata alla vita da una cintura che gli scendeva quasi fino alle ginocchia, lasciando nudi il collo, le braccia, e le gambe. I piedi calzavano dei sandali. Aveva cinquant’anni e forse anche di più ma non li dimostrava. Gli anni avevano dato solo una certa austerità al suo contegno e una certa moderazione alla sua parola, ma non gli avevano aggrinzito il viso o imbiancati i capelli.

Aveva un fisico robusto e un’immensa intelligenza. Non fa mestieri il dire di che paese egli fosse: s’egli non era di Atene dovevan essere Greci per lo meno i suoi antenati.

Quando l’Egiziano ebbe terminato di abbracciarlo disse con voce tremula:

— «Iddio mi fece arrivare qui per il primo; quindi io so di essere scelto come ospite dei miei fratelli. La tenda è al suo posto e la tavola è preparata per noi. Lasciatemi esercitare le mie mansioni.» —

Prendendoli per mano li fece entrare; tolse loro i sandali, lavò loro i piedi, e gettò dell’acqua sulle loro mani, ch’essi quindi asciugarono con salviette.

Poi, dopo aver lavate anche le proprie mani, egli disse;

— «Bisogna aver cura della nostra persona, fratelli, come lo richiede il nostro ufficio, e mangiare per renderci forti onde compiere il nostro dovere durante il rimanente della giornata. Mentre mangeremo impareremo a conoscerci vicendevolmente, e ci diremo l’un l’altro i nostri nomi, le nostre patrie, e i nostri intenti.» —

Li accompagnò al posto che aveva loro destinato e li fece sedere in modo che si potessero trovare di fronte.



2