Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/295

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

289

tura. — «Ti ricorderai di ciò che hai fatto della madre e della figlia del malfattore, e se ora cedo alla curiosità di sapere se vivano o siano morte....» — Ben Hur trasalì, rilesse il passo:

— «Egli non sa se siano morte; egli non sa!» — esclamò, — «Benedetto sia il nome del Signore! C’è ancora un po’ di speranza.» — Sorretto da questo pensiero continuò la lettura fino al fondo.

— «Non sono morte» — egli disse, dopo breve riflessione: — «Non sono morte; altrimenti egli lo saprebbe.» —

Una seconda lettura, più attenta della prima, lo confermò in questa opinione. Allora mandò a chiamare lo sceicco.

— «Quando venni la prima volta alla tua tenda ospitale, o sceicco» — egli incominciò con calma, quando l’arabo ebbe preso posto sul divano, e furono soli, — «io non aveva l’intenzione di parlarti della mia vita, tranne che di quella parte necessaria per provarti la mia destrezza ed esperienza nel guidare i cavalli. Non volli comunicarti la mia storia. Ma il caso che ha fatto pervenire questa lettera nelle mie mani, è così strano, che io sento il dovere di rivelarti ogni cosa. Mi conforta in questo proposito il fatto che siamo entrambi minacciati dal medesimo nemico, contro il quale è necessario che procediamo d’accordo. Io ti leggerò la lettera e ti darò la spiegazione, dopo la quale comprenderai facilmente il motivo della mia emozione. Se la considerasti debolezza o sentimentalità infantile, saprai ricrederti o scusarmi.» —

Lo sceicco ascoltò in assoluto silenzio finchè Ben Hur arrivò al paragrafo in cui si faceva speciale menzione della sua persona. — «Io incontrai ieri l’Ebreo nel boschetto di Dafne» — diceva la lettera — «e se egli non vi è, tuttavia dimora certamente nelle vicinanze, cosicchè ti sarà facile tenerlo d’occhio. Anzi, se tu mi chiedessi dove sia in questo momento, io giuocherei che egli si trova nell’Orto delle Palme.» —

— «Ah!» — esclamò Ilderim, afferrandosi la barba.

— «Nell’Orto delle Palme,» — ripetè Ben Hur. — «sotto la tenda di quel canuto traditore, lo sceicco Ilderim....» —

— «Traditore! Io?» — gridò il vecchio con voce fattasi acuta, mentre il labbro e la barba tremavano d’ira, e le vene della fronte e del collo si gonfiavano come per scoppiare.

— «Un momento, sceicco» — fece Ben Hur. — «Tale è l’opinione di Messala, ascolta la sua minaccia»:.... sotto


19