Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/340

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
334

— «Giove è con noi!» — urlò Druso.

— «Egli vince! Giove è con noi!» — echeggiarono i suoi compagni, vedendo Messala alla testa del gruppo.

Samballat, con le sue tavolette in mano, si rivolse a loro. Un frastuono, seguito da grida strazianti lo obbligò a guardare nuovamente nell’arena. Messala essendo passato, il Corinzio era il solo che rimanesse alla destra dell’Ateniese, e in quella direzione quest’ultimo cercò di piegare la sua quadriglia spaventata; proprio in quel momento sventura volle che la ruota del Bizantino, suo vicino di destra, incontrasse di fianco il suo cocchio sbalzando l’auriga per terra. Con un urlo di rabbia e di terrore il misero Cleante cadde sotto le zampe dei propri cavalli; orribile spettacolo davanti al quale Ester si coprì gli occhi.

Il Corinzio, il Bizantino, il Sidonio passarono avanti.

Samballat diede uno sguardo a Ben Hur, e si volse nuovamente a Druso e ai suoi compagni.

— «Cento sesterzi sopra l’Ebreo!» — esclamò.

— «Accettato!» — rispose Druso.

— «Altri cento sull’Ebreo!» — gridò Samballat.

Nessuno gli badava. Gridò nuovamente; lo spettacolo dell’Arena assorbiva tutta la loro attenzione, ed essi erano troppo occupati ad urlare: — «Messala! Messala! Giove è con noi!» —

Quando Ester osò guardare nuovamente, alcuni servitori stavano rimovendo i cavalli e il carro frantumato, mentre altri portavano via l’auriga; da ogni banco su cui sedeva un Greco partivano urli di rabbia e preghiere di vendetta.

Essa giunse le mani per la felicità: Ben Hur, incolume volava al pari col Romano! Dietro a loro, in gruppo, venivano il Sidonio, il Corinzio e il Bizantino.

La corsa era incominciata. La moltitudine tratteneva il respiro.


CAPITOLO XIV.


Ben Hur, come abbiamo veduto, si trovava all’estrema sinistra dei sei. Per un momento, come gli altri, fu quasi abbagliato dalla viva luce dell’arena. Pure riuscì a distinguere i suoi avversari e ne indovinò l’intento. Diede uno sguardo scrutatore a Messala. Il freddo orgoglio del patrizio