Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34


Secondo il Calendario degli Ebrei l’incontro degli uomini saggi, descritto nei capitoli precedenti, ebbe luogo nel pomeriggio del 25° giorno del terzo mese dell’anno, cioè il 25 di dicembre; l’anno era il secondo della 193.ma Olimpiade o il 747 di Roma, il 67° di Erode il Grande, ed il 35° anno del suo regno; il quarto prima dell’Era Cristiana. L’ora del giorno, secondo il costume, giudaico cominciava col sole, la prima ora essendo la prima dopo il levar del sole; così, per esser precisi, il mercato di Joppa, durante la prima ora del giorno, era molto animato. Le porte massiccie eran state aperte fino dall’alba.

Il commercio sempre crescente aveva invaso anche un vicolo stretto ed una corte sotto le mura della grande torre. Siccome Gerusalemme è situata sulla parte montuosa del paese, l’aria del mattino era piuttosto fredda. I raggi del sole, che promettevano di riscaldare l’aria, si fermavano provocanti sui merli delle torri, dalle quali s’udiva il tubare dei piccioni e lo stormire delle loro ali. Per far conoscenza col popolo della città santa, e per comprendere le pagine seguenti, sarà necessario di fermarsi alla porta e di passare in rivista la scena.

Migliore opportunità di questa non può esser offerta per conoscere il popolino. La scena appare, a tutta prima, una gran confusione, di rumori, di colori e di cose. Questo avviene specialmente nel vicolo e nella corte. Il terreno è selciato da larghe ed irregolari piastre che ripercuotono il calpestìo ed il vocìo. Unendoci alla folla e prendendo un po’ di famigliarità cogli affari del mercato, ci sarà possibile di fare l’analisi di questo popolo.

In un angolo, un asino, sonnecchiava sotto il peso dei panieri ricolmi di lenticchie, di fagiuoli, di cipolle e di citrioli, provenienti freschi dalle terrazze e dai giardini di Galilea. Quando non era occupato a servire ai clienti, il padrone gridava, vantando ai passanti la sua merce. Nulla di più semplice del suo costume: portava dei sandali; aveva una greggia coperta incrociata su di una spalla e fermata alla vita da una cintura di cuoio. Là vicino, assai più imponente e grottesco, sebbene non così paziente come l’asino, stava inginocchiato un cammello, ossuto, grigio, con dei lunghi, irti peli rossicci sotto alla gola, il collo ed il corpo; e carico di ceste e di scatole curiosamente accomodate su di un’enorme sella. Il proprietario era un Egiziano piccolo e snello. La sua carnagione aveva preso il colore delle strade polverose e delle sabbie del deserto.