Pagina:Yambo, Ciuffettino.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


— CI e i giornali che trovò in bottega (il sor Teodoro ci teneva, a fare il fabbro -ferraio letterato) ma rovesciò subito un bigonzolo d’acqua sulle fiamme perchè gli pareva che... divampassero troppo. Intanto, Ciufìettino, sempre più accanito correva dietro al gatto, e buttava arnesi, banchi, sgabelli; per ultimo, volendo tirar fuori la vittima da sotto una credenza dove c’erano delle bottiglie e dei bicchieri, fece cadérla credenza: non vi so dire che spicinio: tutto andò in pezzi: bottiglie, vetri, bicchieri; una rovina senza T uguale. E il gatto, còlto il momento buono, prese l’uscio e filò in piazza. Allora il nostro eroe, furibondo senza pensare più a nulla, piantò la bottega, e si cacciò a correre disperatamente dietro l’animale: Burchiello* in due lanci, gli fu accosto: e tutti e due, come dèmoni