Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
82



XI1


Poichè la bella Ebrea l’alto pensiero
     Per la fè, per la patria in se rivolse;
     Tutta piena di Dio, con guardo altero
     Quindi a beltà, quincia virtù si volsse.
5Voi siate meco,disse; e il lusinghiero
     Viso, e ogni vezzo in lei beltade accole:
     Virtù dielle il vigore, e così il fiero
     Duce trafisse, e il patrio suol disciolse.
Oggi torna Giuditta, e tanto appaga
     10Colle dolci armonie di stil sì degno
     Ch’io non so se in Betulia era sì vaga.
So, che l’ire rivolse a più bel segno:
     se un Duce uccise, or l’Obblio cieco impiaga,
     Mostro là di fortezza, e quì d’ingegno.


XII2


Qual mi destano in petto alto stupore
     Queste, che gran pennello in tele avviva,
     La romana Lucrezia, Elena argiva,
     L’una d’amor trofeo, l’altra di onore!
5Quella, perchè la colpa ebbe in errore,
     De Regi suoi l’augusta Patria ha priva;
     Questa, perchè gradì d’esser lasciva,
     Fè la famosa Troia esca d’ardore
Oh scherzo di destin troppo spietato!
     10La potenza di Priamo allor fu doma
     Sol da ciò che ai Tarquini avria giovato.
Tebro, avriano i tuoi Re serto alla chioma,
     Santo, vivrebbe ancor Troia, se ’l fato
     Dava Lucrezia a Sparta, Elena a Roma.


XIII


Su’ lacci, e reti, Elpino, al colle, al piano;
     Sen riede autunno a dar le fere ai campi;

  1. Per la Giuditta. Oratorio
  2. Elena e Lucrezia dipinte in un quadro.