Pagina:Zecche e monete degli Abruzzi.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34

Giovanna II, mi rimane ancora da riportare il diploma 6 gennajo 1433, con cui la regina reca alcune riforme nel personale addetto alta zecca dell’Aquila, prescrivendo la elezione di quattro probi cittadini che debbano provedere all’assaggio dei metalli, e in un medesimo determina le specie che doveano ivi coniarsi, vale a dire:

Mezzi carlini, da due celle o da tre bolognini.

Quartaroli, sotto il qual nome s’intendono le celle, quarte parti del carlino.

Bolognini, o sesti di carlino; tutt’e tre le specie alla bontà di once 10 per libbra.

Quattrini, alla bontà di once 1 1/2, e al taglio di pezzi 32 per oncia, vale a dire del peso di acini 18 3/4 ciascuno.

Denari di tal mistura che avessero mezz’oncia di argento in 1 1 1/2 di rame, e di tal peso che un’oncia ne desse 60, cioè di acini 10 l’uno.


Ecco il tenore della regia ordinanza: Universitati civitatis nostre Aquile exponenti, quod in moneta bologninorum, que spenditur in partibus Aprutinis, multa eveniunt incommoda, ex quo moneta ipsa non est debita, et proportionalis ponderis et bonitatis, propterea supplicant eis concedi siclam pro annis tribus, in qua cudantur medii carleni, quartaroli, boligneni, quaterni et denarii minute monete, facultas prout petunt, dummodo sint ponderis et bonitatis, et in qualibet libra (mediorum carlenorum, quartarolorum et bolignenorum) sint de argento fino uncie decem et de ere uncie due; et moneta quaternorum de argento et ere, in quibus sint de argento fino in pondere uncia una et media, et de ere uncie decem et media, et per unciam ponderis sint triginta due; moneta parvulorum in quibus pro qualibet libra sit de argento fino dimidia uncia et de ere sint uncie undecim et media, et per unciam ponderis sint in minuto sexaginta. Volumus insuper quod per commune et universitatem dicte civitatis Aquile eligi debeant quatuor probi viri sufficientes et legales super assadio, et probandarum monetarum, sinc quibus magister sicle inibi per nos constitu-