Pagina:Zibaldone di pensieri II.djvu/309

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
296 pensieri (956-957-958)

p. 163) nello Spettatore di Milano, 1° settembre 1817, Parte italiana, quaderno 83, p. 442, dal mezzo al fine della pagina. E cosí pure, parte per lo studio immediato de’ greci esemplari (del che vedi ivi, p. 443, dal principio al mezzo), parte per lo studio de’ latini e la derivazione della lingua italiana dalla latina, parte e massimamente per una naturale conformità che forse per accidente ha la struttura e costruzione della lingua nostra colla greca (come dice espressamente la Staël nella Biblioteca Italiana,  (957) vol. I, p. 15, la costruzione grammaticale di quella lingua è capace di una perfetta imitazione de’ concetti greci, a differenza della tedesca della quale ha detto il contrario), per tutte queste ragioni si trova una evidentissima e somma affinità fra l’andamento greco e l’italiano, massime nel piú puro italiano, e piú nativo e vero, cioè in quello del trecento. Da tutto ciò segue che la lingua greca, come madre della nostra rispetto ai modi, sia e per ragione e per fatto adattatissima ad arricchire e rifiorire la lingua italiana d’infinite e variatissime forme e frasi e costrutti (Cesari) e idiotismi ec. Non cosí quanto alle parole, che non possiamo derivare dalla lingua greca che non è madre della nostra rispetto ad esse; fuorché in ordine a quelle che gli scrittori o l’uso latino ne derivarono e divenute precisamente latine passarono all’idioma nostro come latine e con sapore latino, non come greche. Le quali però ancora, sebbene incontrastabili all’uso dell’italiano, tuttavia soggiacciono in parte, malgrado la lunga assuefazione che ci abbiamo, ai difetti notati da me, p. 951-952. Che, per esempio, chi dice filosofia eccita un’idea meno sensibile di chi dice sapienza, non vedendosi in quella parola, e non sentendosi come in questa seconda, l’etimologia, cioè la derivazione della parola dalla cosa, il qual sentimento è quello che produce la vivezza ed efficacia,  (958) e limpida evidenza dell’idea, quando si ascolta una parola (19 aprile 1821).