Pagina:Zibaldone di pensieri IV.djvu/374

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
362 pensieri (2663-2664)

d’uso dice: Ex omnique genere (subintell. rerum) frequentissimae translationes erunt, quod eae propter similitudinem transferunt animos, et referunt ac movent huc et illuc; qui motus cogitationis, celeriter agitatus, per se ipse delectat (10 gennaio 1823).


*   In un luogo di Lucilio portato da Cicerone nell’Oratore, num. 149, leggi Aptae pavimento per Arte. Vero è che la sillaba seconda del verso precedente è breve (10 gennaio 1823).


*   Anticamente i latini dicevano maxilla, axilla etc. (Cicero, Orator, n. 155), indi fecero mala, ala ec. Or noi conserviamo l’antico: mascella, ascella, tassello. Dicevano anche siet per sit (vedi ib., num. 159); or  (2664) quello e non questo si dovette sempre conservare nell’uso del popolo, come apparisce da sia, soit, sea (10 gennaio 1823). Notisi il nostro uso simile, di aggiungere un’e alle vocali accentate: virtue, fue ec.


*   Nell’Oratore di Cicerone, num. 196, illa ipsa delectarent, leggi non delectarent (11 gennaio 1823).


*   Transferenda tota dictio est ad illa quae nescio cur, quum Graeci κόμματα et κῶλα nominent, nos non recte incisa et membra dicamus. Neque enim esse possunt rebus ignotis nota nomina; sed, quum verba aut suavitatis aut inopiae causa transferre soleamus, in omnibus hoc fit artibus, ut, quum id appellandum sit quod, propter rerum ignorationem ipsarum, nullum habuerit ante nomen, necessitas cogat aut novum facere verbum, aut a simili mutuari. Cicero, Orator, num. 209 (11 gennaio 1823).


*   Nell’Oratore di Cicerone, num. 231, cioè molto presso alla fine, leggi reperiant ipsa eadem ec. per reperiam (11 gennaio 1823). Ivi, num. 11, cioè non molto dopo il principio, e durante ancor l’esordio,