Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
242 pensieri (3200-3201)

renza naturale d’ingegno. E infatti è quasi dimostrato che la fronte spaziosa significa grande e capace ingegno naturale, e per lo contrario la fronte angusta; e cosí le altre differenze esteriori del capo osservate dai craniologi; le osservazioni de’ quali se non sono tutte vere, non lasciano di provare generalmente una differenza naturale di spirito e d’indole ne’ diversi uomini; nel giudizio delle quali differenze se coloro spesse volte s’ingannano, ciò nasce perch’ei non guardano che il fisico; ma l’assuefazione e le circostanze talora accrescono, talora cancellano, talora volgono affatto in contrario le differenze delle disposizioni naturali; delle quali sole possono pronunziare i craniologi, non de’ loro effetti, che da troppo altre cause  (3201) sono influiti, e spesso riescono contrarii ad esse disposizioni. E vedi a questo proposito il fatto di Zopiro e Socrate ap. Cic., Tusc., lib. IV, cap. 37. Qua pur si deve riferire la diversità delle fisonomie, degli occhi, che tanto esprimono e dimostrano dell’animo e dell’ingegno, e l’arte de’ fisionomi.

2°, Differenze generali, regolari, e costanti si trovano fra i caratteri, i talenti, le disposizioni spirituali delle diverse nazioni, massime secondo i diversi climi. Quelle d’ingegno grossissimo, come i lapponi, queste d’acutissimo, come gli orientali; altre pigre, altre attive; altre coraggiose, altre timide; in altre prevale l’immaginazione, in altre la ragione, e ciò in altre piú, in altre meno; altre riescono e riuscirono sempre eccellenti in una parte, altre in altra ec. ec., e tutto questo costantemente. Non si può negare che i principii e le fondamenta di tali differenze non sieno naturali, e quindi non si può negare che non v’abbia una vera primitiva differenza d’indole e d’ingegno tra nazione e nazione, clima e clima, come v’ha reale, visibile, naturale e, generalmente parlando, costante differenza di esteriore, di fisonomia ec. tra nazioni e climi, selvaggi o civili ec. ec. Dunque proporzionata-