Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/293

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
286 pensieri (3271-3272-3273)

o massimamente presenti, del bisogno che l’uomo ha degli altrui soccorsi ed uffici. Quanto piú l’uomo è in istato di esser  (3272) soggetto di compassione, o di bramarla, o di esigerla, e quanto piú egli la brama o l’esige, anche a torto, e si persuade di meritarla, tanto meno egli compatisce, perocch’egli allora rivolge in se stesso tutta la natural facoltà e tutta l’abitudine, che forse per lo innanzi egli aveva, di compatire. Quanto l’uomo ha maggior bisogno della beneficenza altrui, tanto meno egli è, non pur benefico, ma inclinato a beneficare; tanto meno egli non solo esercita, ma ama in se quella beneficenza che dagli altri desidera o pretende, e crede a torto o a ragione di meritare, o di abbisognarne. L’uomo debole e sempre bisognoso di quegli uffici maggiori o minori che si ricevono e si rendono nella società, e che sono il principale oggetto a cui la società è destinata, o quello a cui principalmente dovrebbe servire la scambievole comunione degli uomini; pochissimo o nulla inclina a prestar la sua opera altrui, e di rado o non mai, o bene scarsamente la presta, ancor dov’ei può, ed ancora agli uomini piú deboli e piú bisognosi di lui. L’uomo assuefatto alle sventure, e  (3273) massime quegli a cui la vita è sinonimo e compagno del patimento, nulla sono mossi, o del tutto inefficacemente, dalla vista o dal pensiero degli altri mali e travagli e dolori. L’amor proprio in un essere infelice è troppo occupato perch’egli possa dividere il suo interesse tra questo essere e i di lui simili. Assai egli ha da esercitarsi quando egli ha le sue proprie sventure; sieno pur molto minori di quelle che se gli rappresentano in qualunque modo in altrui. Se le proprie sventure sono presenti, la compassione, come ho detto, tutta rivolta e impiegata sopra se stesso, in esso lui si consuma, e nulla n’avanza per gli altri. Se sono passate, posto ancora che piccolissime fossero, la rimembranza di esse fa che l’uomo non