Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/348

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3361-3362) pensieri 341



*    Constater francese continuativo di consto as, non mutato l’a di constatus in i, il che dimostra che questo continuativo dev’essere latino-barbaro, o d’origine francese. Il simile dicasi dello spagnuolo horadar (anticamente foradar) da foro as. Vedi il glossario se ha nulla in proposito (5 settembre 1823).


*    Alla p. 3282. L’uomo (cosí la donna) debole e bisognoso dell’opera altrui, o nato o divenuto, s’abitua ad essere in qualche modo, piú o meno, servito e sovvenuto dagli altri, ed esso a non servire né aiutare nessuno, perch’ei non può, quando anche da principio il desideri, quando anche per indole sia inclinato a beneficare. Per quest’abito ei contrae l’egoismo, il quale, come vedete, non è ingenito in lui per se stesso, (quando anche ei sia stato sempre debole e bisognoso fin dalla nascita), ma figlio di un abito da lui fatto o piú presto o piú tardi, incominciato fin dal principio della vita, o sul fior degli anni, o al mezzo, o sul declinare ec. Per quest’abito ei s’avvezza a considerare (se non per ragione, certo praticamente)  (3362) gli altri come fatti per lui, e sé come fatto per se solo, ch’é appunto l’egoismo; diventa alieno dalla compassione e dalla beneficenza ch’egli non ha mai potuto o non può piú esercitare, di cui non ha mai potuto acquistare o ha dovuto perdere l’abitudine (5 settembre 1823).


*    Alla p. 3078. Queste medesime anomalie della lingua spagnuola, e quelle molte piú della lingua italiana (delle quali vedi la p. 2688, segg. e altri luoghi), nelle quali anomalie queste lingue, per seguir la latina, abbandonano la norma della loro propria analogia, possono servire a far credere che quando elle dalla propria analogia non si scostano, non perciò abbandonino la lingua latina, ma la seguano, non quale noi la conosciamo, bensí quale ella fu conservata nel vol-