Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 pensieri (3593-3594)

totale nel lettore sia piú vivo essendo uno e indiviso, e mirando a un solo segno; ché altrimenti la prescritta unità non avrebbe ragione alcuna, ed il precetto sarebbe arbitrario, laddove il poeta dev’esser padrone della sua libertà in quanto l’esserlo e il disporne a suo modo non ripugna alla natura e alla qualità e debito del poema epico. L’unità dunque da’ precettisti prescritta nel poema epico, pregiudicando e ripugnando al suo medesimo fine, è qualità non pur dannosa, ma vana ed assurda in se stessa e ne’ propri termini.

Ritornando al Tasso, molto ingegnoso è quel modo in ch’egli procura, quasi espressamente prevenendo le obbiezioni de’ rettorici, di mostrar  (3594) l’accordo de’ suoi due Eroi nella sua opera, e che, dal loro esser due, non nasca nel suo poema duplicità d’interesse. Parla l’anima di Ugone a Goffredo, e dice di Rinaldo (c. XIV, stanza 13) Perché-lece. Colle quali parole poste nell’altrui bocca il Tasso viene molto chiaramente a dire ai pedanti e a’ detrattori in persona propria: Gli eroi del mio poema son due, ma l’interesse è un solo, perché una è l’impresa e uno il fine a cui servono entrambi. Ma questa distinzione metafisica, accettata ancora e predicata da’ precettisti (indipendentemente dal negozio del Tasso) e da molti ancora di buon giudizio, non si avvera mai nell’animo de’ lettori.1) Due Eroi d’ugual merito, o che servano alla stessa impresa, o che ad imprese diverse, fanno nell’animo de’ lettori due distinti interessi (che tanto piú s’offuscano l’un coll’altro, quanto men sono diversi, e piú tra loro somiglianti od uguali, e concordi): perocché questi due Eroi sono sempre per verità, nell’animo de’ lettori, due ben separate persone, e non già una

  1. Dicono i precettisti che le persone d’ugual merito possano esser piú, purché l’interesse sia un solo (cosí ne’ drammi, cosí nell’epopea ec.). E si pregiano molto di questa distinzione, come acuta e sottile e ben giudiziosa. Ora i due suddetti termini non possono stare insieme.