Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/279

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
270 pensieri (4324-4325-4326)

questa supposizione è piú che naturale, trattandosi di canti che hanno un argomento comune: è certo che Omero nel compor gli uni di mano in mano, si ricordava de’ precedenti. E non è egli verisimile che li cantasse sovente tutti ad uno  (4325) stesso uditorio, oggi un canto, domani un altro? che l’uditorio s’invogliasse di ascoltar domani la continuazione della storia d’oggi? (ricordiamoci che allora non v’erano altre storie che in versi) che Omero nel cantare i suoi diversi componimenti seguisse un ordine, quello de’ fatti? (sia il medesimo o altro da quello che si trova oggi ne’ suoi poemi) che seguisse anche quest’ordine nel comporli, cioè, che dopo aver cominciato dove il caso volle, andasse avanti immaginando e narrando, soggiungendo oggi al racconto di ieri, senza (ripeto ancora) mirar mai ad altro, che a tirare innanzi la narrazione?

Cosí sarà spiegata plausibilmente quella tal quale unità, quanto si voglia larga, ma sempre unità, che si trova ne’ suoi poemi, e massime nell’Odissea, nella quale bisogna pur convenire che è ben difficile il non riconoscere un legame qualunque tra le parti, una continuità nel racconto, un insieme, ed anche un principio e fine, nelle avventure romanzesche di quell’eroe. Ed osservo di piú, che nell’uno e nell’altro poema, ma piú nell’Iliade, moltissimi sono quei tratti di considerabile lunghezza, ai quali non si potrebbe mai dare un titolo a parte, che non fosse frivolo; staccati dal rimanente, non hanno nessuna ragionevole importanza, e riuscirebbero noiosissimi; essi non possono interessare che dipendentemente dalla relazione e connessione che hanno col resto del racconto, come accade ne’ poemi scritti con piano determinato; e in se stessi non offrono un argomento che potesse mai parer degno d’esser cantato isolatamente. Questi tratti sono troppo numerosi, troppo lunghi, e formano troppo gran parte  (4326) de’ due poemi, perché si