Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/433

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
424 pensieri (4489-4490)



*    Vinciglio (vinculum), avvincigliare (avvinculare, altrimenti avvinchiare, avvinghiare).  (4490)


*   Romoreggiare. Pavoneggiare. Atteggiare. Veleggiare.


*    Il nostro favorare par dimostrato nel latino da favorabilis, favorabiliter, giusta il detto da me altrove della formazione in bilis dai supini de’ verbi. E cosí, da simili prove d’ogni genere, note generalmente o non note, altre infinite voci. E certo, che infinite voci volgari, anche radici ec., non superstiti nel latino noto, e che noi non sappiamo donde derivare, e cerchiamo forse nel settentrione ec., sieno pure e prette latine (latino scritto o solamente parlato, voglio dire non letterario), si conferma coll’osservazione d’ogni giorno. Borghesi ha trovato nelle lapidi (e dee stare nella nuova edizione del Forcellini) la voce drudus i, (17 aprile, Venerdí Santo, 1829), la cui origine, non che essa medesima, nessuno avrebbe cercato nell’antico latino (18 aprile)


*    Babil, babiller, babillard ec. Gaspiller, gaspillage ec. Gazouiller ec. Plumasserie, plumassier.


*    Observito as.


*    Beccare - bezzicare. Piccare - pizzicare. Piovizzicare (marchigiano), e pioviccicare (id). Piluccare - spilluzzicare. Appiccare - appicciare, appiccicare.


*    Scioperato, désoeuvré. Homme répandu (Rousseau, Pensées, I. 202). Dissipé.


*    Erto (erectus), participio aggettivato.


*    Perdonare, pardonner, perdonar, voce di forma ed apparenza affatto latina e antica: per, omnino, penitus, ad extremum, come in pereo, perdo, perimo, perdomo, perduro, ec. ec. e donare cioè condonare.