Rime (Angiolieri)/LXXIII - I’ son sì magro, che quasi traluco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXIII - I’ son sì magro, che quasi traluco

../LXXII - La povertà m’ha sì disamorato ../LXXIV - A chi nol sa non lasci Dio provare IncludiIntestazione 5 agosto 2013 75% Sonetti

Cecco Angiolieri - Rime (XIII secolo)
LXXIII - I’ son sì magro, che quasi traluco
LXXII - La povertà m’ha sì disamorato LXXIV - A chi nol sa non lasci Dio provare

 
     I’ son sì magro, che quasi traluco, 
de la persona no, ma de l’avere; 
ed abbo tanto più a dar, che avere, 
che m’è rimaso vie men d’un fistuco. 
     5Ed èmmi sì turato ogni mi’ buco, 
ch’i’ ho po’ che dar e vie men che tenere: 
ben m’è ancora rimas’un podere 
che frutta l’anno il valer d’un sambuco! 
     Ma non ci ha forza, ch’i so ’nnamorato; 
10ché s’i’ avesse più or che non sale, 
per me sarìa ’n poco temp’assommato. 
     Or mi paresse almeno pur far male! 
Ma con più struggo, più son avvïato 
di voler far di nuovo capitale.