Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Fera ventura è quella che m'avvene"

Jump to navigation Jump to search
m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Fera ventura è quella che m'avvene|prec=../Doglio e sospiro di ciò che m'avvene|succ=../Ben si conosce lo servente e vede}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/204]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|123}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|È incolpato del peccato altrui; ma non può la menzogna durare.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=204]]= to=204 />
 
<poem>
Fera ventura è quella che m’avvene,
ch’altri fa ’l male ed eo ne son colpato,
e faccio l’orma ov’eo non pongo el piene:
{{R|4}}nel loco, ov’io non vo, sì son trovato;
pur mal m’incontra adoperando el bene,
e porto pena de l’altrui peccato.
Solo una cosa è quel che mi sostene
{{R|8}}di ciò ch’io ne son quasi consumato:
che la menzogna passa tostamente
e la fermezza rimane in suo stato,
{{R|11}}e questo aggio veduto certamente.
Però, madonna, aggimi per scusato,
ché ’nverso voi non feci falso nente,
{{R|14}}ché ’n verità non l’avre’ pur pensato.
</poem>
146 920

contributi

Menu di navigazione