Trattato della Pittura (da Vinci)/Parte seconda/110. Proporzione di membra

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Parte seconda
110. Proporzione di membra

Trattato della Pittura (da Vinci)/Parte seconda/109. Figura e sua divisione Trattato della Pittura (da Vinci)/Parte seconda/111. Del fuggire le calunnie de' giudizi varî che hanno gli operatori della pittura IncludiIntestazione 1 giugno 2008 75% Pittura

Parte seconda - 109. Figura e sua divisione Parte seconda - 111. Del fuggire le calunnie de' giudizi varî che hanno gli operatori della pittura

La proporzione delle membra si divide in due altre parti, cioè: qualità e moto.1 Per qualità s’intende, oltre alle misure corrispondenti al tutto, che tu non mischi le membra de’ giovani con quelle de’ vecchi, né quelle de’ grassi con quelle de’ magri, né le membra leggiadre con le inette; ed oltre di questo, che tu non faccia a’ maschi membra femminili. Per moto s’intende che le attitudini ovvero movimenti de’ vecchi non sieno fatti con quella medesima vivacità che si converrebbe a quelli de’ giovani; né anche i movimenti d’un piccolo fanciullo sieno fatti come quelli d’un giovane, e quelli della femmina come quelli del maschio.2 Non far atti che non sieno compagni dell’atteggiatore; cioè all’uomo di gran valetudine, che i suoi movimenti lo manifestino e cosí l’uomo di poco valore faccia il simile co’ movimenti invalidi e balordi, i quali minaccino ruina al corpo che li genera.



Note

  1. Nell’edizione viennese: "modo."
  2. Nell’edizione romana, 1817, si legge qui in seguito: "facendo che i movimenti e membri d’un gagliardo sieno tali, che in esse membra dimostrino essa valetudine."