Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/47

Da Wikisource.

robinson crusoe 35


alcuni canotti di selvaggi scendessero lungo il fiume; ma il ragazzo scorgendo una valletta lontana circa un miglio dal luogo ove eravamo, si trasse fin là, nè andò guari che il vidi tornare a me correndo come il vento. Pensai fosse inseguìto da qualche uomo, o spaventato da qualche fiera, onde gli corsi incontro per aiutarlo; ma quando gli fui più vicino, vidi alcun che pendergli dalle spalle. Era un piccolo animate da lui ucciso col moschetto, somigliante ad un lepre, salvo il colore e le gambe ch’erano più lunghe. Fummo assai contenti di tale presa, perchè ne fornì di una squisita vivanda; ma la grande contentezza che facea correre il povero Xury, era perchè veniva ad annunziarmi, che avea trovato acqua dolce e non veduti selvaggi uomi.

Avventure di Robinson Crusoe p047.jpg

Per dir vero scoprimmo in appresso, che non avremmo avuto bisogno di prenderci tanti fastidi per trovare acqua dolce, perchè un poco al di sopra del seno ove stavamo, ne scorgemmo una sorgente al calare della marea; così pertanto potemmo empire tutti i nostri