Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/482

Da Wikisource.
424 robinson crusoe


questi non se ne dessero di raggiugnersi; perchè mentre cercavano di codiarsi a vicenda, quando i tre erano là, i due erano qui; quando i due tornavano addietro per trovare i tre, questi erano già venuti di nuovo alla vecchia loro abitazione. Qual fosse in appresso la condotta dei tre e dei due, presto la vedremo. I tre giunti a casa furibondi, ansanti e imbestialiti di più dalla stessa scellerata fatica che s’erano data, raccontarono in via di millanteria e di beffa la lor bella impresa, ed un di costoro fattosi faccia a faccia d’uno Spagnuolo, come un ragazzo che ne invitasse un altro a bagordare, gli prese con la mano il cappello, che gli fece girar su la testa a guisa di trottola, poi guardatolo in cagnesco, disse:

— «E anche voi, signor bell’umorino di uno Spagnuolo, vi conceremo con la stessa salsa se non guarite dai vostri grilli.»

Lo Spagnuolo che se bene uom pacato e pieno di civiltà, era valoroso quanto si possa essere e forte e nerboruto, si fermò a guardarlo un tantino, indi non avendo in mano arme di sorta alcuna, con passo grave gli fu addosso, e gli misurò tal pugno che lo stramazzò a terra, come un bue percosso dalla mazza del macellaio; alla qual vista uno degli altri due cialtroni, non meno ardito del primo, sparò tosto una pistola contro allo Spagnuolo. Fortunatamente fallò il colpo, perchè la palla di questo, anzichè attraversare il corpo dell’uomo preso di mira, ne andò a radere i capelli e gli scalfì soltanto la punta di un’orecchia. Questa nondimeno fece molto sangue, laonde lo Spagnuolo credendosi più gravemente ferito di quello che fu in realtà, divenne un po’ più acceso di prima, perchè finora avea fatte le cose sue con perfettissima calma. Ma adesso risoluto di finirla, colse da terra il moschetto dell’uomo stramazzato, ed era in atto di spararlo inverso al suo feritore, quando tutti gli altri Spagnuoli che erano nella grotta, saltarono fuori, gridandogli di fermarsi; poi scagliatisi su i tre cialtroni, gli arrestarono togliendo loro le armi.

Quando, così disarmati, s’accorsero d’aversi inimicati gli Spagnuoli non meno de’ loro compatriotti, cominciarono a farsi mansueti mansueti e a dir belle parole a questi per riavere le loro armi. Ma gli Spagnuoli considerando che la rissa era tuttavia viva fra le due parti inglesi, e che meglio era d’impedire loro di ammazzarsi l’uno con l’altre, promisero bensì ai medesimi di non far male ad essi di sorta alcuna, aggiugnendo anzi che, se si fossero comportati