Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/58

Da Wikisource.
42 robinson crusoe


consegnato libero d’ogni aggravio, appena saremmo arrivati al Brasile.

— «Perchè, egli diceva, ho salvata la vostra vita in que’ termini onde mi piacerebbe veder salvata la mia; una volta o l’altra il mio destino può condurmi alla medesima condizione. Oltrechè, se vi privassi di quanto avete, e tanto lunga la strada di qui al Brasile che, giunto là, sareste costretto a morire di fame, ed in tal caso non avrei fatto altro che salvarvi la vita qui per privarvene là. No, no, senhor Inglese, voglio condurvi fin là per amor del mio prossimo; e queste cose che vorreste darmi, vi gioveranno a procurarvi la vostra sussistenza nel Brasile, e nella traversata che dovrete fare per tornarvene a casa.»

E come si mostrò caritatevole in questa offerta, fu altrettanto giusto nel mantenerla appuntino; perchè comandò severamente ai suoi marinai di non toccar nulla di quanto mi appartenesse, e, prese in deposito egli stesso le mie robe, mi diede un inventario di tutto, esatto tanto che non erano nemmeno dimenticati i miei tre orci di terra.

Quanto alla mia scialuppa, che era veramente una delle buone fra quante ve ne fossero, dopo averla considerata, mi espresse il desiderio di comprarla per uso del suo vascello, e mi chiese qual prezzo ne avrei voluto.

— «Siete stato sì generoso verso di me in ogni rispetto, che non ho coraggio di far io il prezzo della mia scialuppa, e intorno a ciò mi rimetto interamente a voi.

— Facciamo così, egli soggiunse, vi darò una cedola di banco per ottanta pezze da otto, che vi saranno pagate al Brasile e, quando la scialuppa sarà arrivata là, se trovate chi vi offra di più, vi abbonerò quel di più.»

Mi offerse inoltre sessanta pezze da otto pel mio ragazzo Xury, al che mi rincrescea l’acconsentire, non perchè mi dispiacesse cedergli quel fanciullo, ma mi sapea male di vendere la libertà di una povera creatura che m’aveva aiutato con tanta fedeltà a procurarmi la mia.

Nondimeno, poichè ebbi esposto al capitano un tal motivo di mia renitenza, questi che lo trovò giusto mi propose un temperamento, vale a dire di obbligarsi col ragazzo a metterlo in libertà dopo dieci anni, semprechè si fosse fatto cristiano; a tal patto, tanto più che Xury disse che sarebbe andato volentieri con lui, lo cedei al capitano.

Il nostro viaggio al Brasile fu felicissimo, perchè in venti gorni