Pagina:Delle istorie di Erodoto (Tomo III).djvu/66

Da Wikisource.


volpe; avevano il corpo vestito di tuniche, e queste tuniche portavano involte in ampie e sinuose sottane. Intorno ai piedi e alle gambe avvolgevano delle pelli di cerbiatto; ed erano, finalmente, provveduti di giavellotti, di piccole targhe e di piignaletti. Questi Traci poi, dopo che si furono tramutati in Asia, presero il nome di Bitini; ma prima, per loro mdesimo testimonio, si erano chiamati Strimonì in causa della loro sede prossima allo Strimone. E sono eglino stessi che narrano come dovessero un giorno esulare per forza fatta loro da un assalto di Teucri e di Misi. Ai Traci asiatici presiedeva Bassace,. figlio di Artabano.

76. I Calibi (12) usavano piccole targhe fatte di pelle bovina, e ciascuno di loro portava due spiedoni (di quelli che servono per la caccia dei lupi). E vedevi loro in capo degli elmi di bronzo, sormontati da orecchie e ria corna di bove, parimenti in bronzo, e da pennacchi. Le gambe poi essi s’involtavano con fascie color di porpora. E in mezzo a questo popolo risiede un oracolo di Marte.

77. I Cabeli Meoni, conosciuti più volgarmente sotto il nome di Lasoni, usavano un costume identico a quello dei Cilici. E quale precisamente fosse il costume cilicio lo vedremo nel seguito della mia descrizione. I Milui maneggiavano piccoli scudi, e portavano le loro vesti raccomandate alle fibbie. Alcuni di loro erano eziandio provveduti di archi liei; e tutti coprivano il capo con celate di cuoio. Ai Calibi, ai Cabeli, ai Milui, presiedeva Badre, figlio d’Istane.