Pagina:Tempesta.djvu/38

Da Wikisource.

22 la tempesta



flotta che avea disperso, ho nuovamente
unito ed ora voga sopra l’onde
mediterranee raggiungendo il porto
di Napoli, dolente tutta e certa
d’aver visto affondar del Re la nave
e quel gran principe.

                             Prospero.
                                        O Ariele, il tuo
ufficio hai ben compiuto. Ma ancor altro
ci resta a fare. In quale ora del giorno
siamo?

                              Ariele.
        È trascorsa la metà.

                             Prospero.
                                                       Di due
clessidre almeno. Il tempo che ci resta
fra l’ora sesta e adesso, noi dobbiamo
sagacemente spenderlo.

                              Ariele.
                                           V’è ancora
da lavorare? Poichè tu mi dai
tante fatiche lascia ch’io rammenti
la tua promessa ancor non mantenuta.