Pagina:Tempesta.djvu/39

Da Wikisource.


Atto primo, Scena seconda 23



                             Prospero.
Che c’è di nuovo, spirito bizzarro,
e che puoi dimandarmi ora?

                              Ariele.
                                                      La mia
libertà!

                             Prospero.
          Prima ancora che sia giunto
il tempo? Basta!

                              Ariele.
                    Te ne prego, almeno
rammenta i degni uffici che ti ho fatto,
nè ho mai mentito nè ho sbagliato mai.
E ti ho servito senza brontolare,
senza rancori! Tu mi promettesti
di condonarmi un anno intiero.

                             Prospero.
                                                            Hai forse
dimenticato da qual mai supplizio
ti liberai?

                             Ariele.
         No.