'A no pò stài

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
friulano

Anna Fabris Arturo Zardini 1921 A Canti cantastoria 'A no pò stài Intestazione 30 novembre 2009 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

La passion ch’a mi consume
a nissun plui la dirès,
che se lui vés di savêlu,
ben di cûr al ridarès.

2 Dome al cîl e a lis stelis
une sere la contài;
ma fra lor si cimiàvin:
no pò stài e no pò stài.

3 Lui ’lè biel e ’o soi brute
ma no vuèi compatiment:
ten scuindude la mê flame,
e cuviart il sentiment.

4 La passion che mi consume
a nissun plui la dirài,
par che il cîl e ancje lis stelis
’a mi àn dit che no pò stài.


Traduzione

La passione che mi consuma
a nessuno più la direi,
che se lui venisse a saperlo
ben di cuore riderebbe.

2Solo al cielo e alle stelle
una sera lo raccontai,
ma fra loro ammiccavano:
non ci può stare, non può stare.

3Lui è bello e io son brutta
ma non voglio compatimento:
tengo nascosta la mia fiamma,
e coperto il sentimento.

4La passione che mi consuma
mai a nessuno più la dirò,
par che il cielo e anche le stelle
mi abbiano detto che non ci può stare.