27 di otubar

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
friulano

Ercole Carletti Arturo Zardini 1918 V Canti cantastoria 27 di otubar Intestazione 29 novembre 2009 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Vin siarât !a nestre puarte,
vin dat jù ben il saltel,
e si sin metûz par strade,
cui frutins a brazzecuel.

2 Oh, ma piês di tant sterminio,
piês di tant dolôr di cûr,
pas cun pas nus compagnave
la vergogne dilunc fûr!

3 Furtunâz i muarz sotiâre,
che àn finît la lôr stagjon,
che àn siarât i vói adore,
e no san cheste passion

4 Ma cumò, Vô, sustignìnus,
o Signôr, e dàinus flât di
tornâ tes nestris cjasis,
francs di cûr e a cjâf jevât


Traduzione

Abbiam chiuso le nostre porte,
abbiam messo giù bene il nottolino,
ci siam messi per strada,
con i bimbi a braccia collo.

2Oh, ma peggio di tanto sterminio,
peggio di tanto dolor di cuore,
passo con passo ci accompagnava
fuori difilato la vergogna.

3Fortunati i morti sottoterra,
che han finito la lor stagione,
che han chiuso per tempo gli occhi
e non provano questa afflizione

4Ma adesso, Voi, sosteneteci,
o Signore, dateci forza di
tornare nelle nostre case, franchi
di cuore e a capo levato.