A Tarcint

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
friulano

Francesco Bierti Arturo Zardini 1912 A Canti cantastoria A Tarcint Intestazione 13 dicembre 2009 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Là che il plan s'ingrispe a onde
sot la Stele e lunc la Tôr,
come il mâr dongje la sponde
se une bave j bat sul ôr;


2 là fra vîz, pomârs e rosis
sot un cîl simpri ridint,
netis, blancjs e graziosis
son mil cjasis: 'l è Tarcint.


3 Se ance l'om no la lavore.
Là ogni plante 'e dà il so frut,
E il soreli al jeve ad ore,
Par podé s'cialdà par dut.


4 E chel ros, chel dolz che al done.
Il soreli al frut madùr,
A Tarcìnt ogni persone
L'à tal sanc e dentri il cur.


Traduzione

Là dove la pianura s’increspa a onda,
sotto la Stella (è un colle) e lungo il Torre (fiume),
come (fa) il mare vicino alla sponda,
se una bava di vento gli batte sull’orlo.

2Là fra viti, frutteti e fiori,
sotto un cielo sempre ridente
pulite, bianche e graziose
son mille case: è Tarcento

3Se anche l’uomo non la lavora,
là ogni pianta dà il suo frutto,
e il sole si leva presto,
per poter scaldare dappertutto

4E quel rosso, quel dolce che dona
il sole al frutto maturo,
a Tarcento ogni persona
l’ha nel sangue e dentro il cuore.