Adiecta (1905)/II/LXIX

Da Wikisource.
Amore

../LXVIII ../LXX IncludiIntestazione 20 febbraio 2015 100% Da definire

II - LXVIII II - LXX
[p. 521 modifica]

AMORE


     Non senti tu rabbrividir le cime
verdi de’ pioppi ne ’l meriggio ardente
e un alito passar quasi rovente
4su gli arsi campi e tra le messi opime?

     Senti ne l’aria immobil che ci opprime,
senti tu ne ’l silenzio un dio presente,
un mister che ci vede e che ci sente,
8qualche cosa d’ignoto e di sublime?

     È amor che vibra ne le cose, e desta
del sol fecondo il vivido calore,
11che alle nozze notturne i fiori appresta.

     È amore in cui s’acqueta ogni desìo,
che prorompe da tutto.... Amore, amore,
14vita de ’l mondo ed anima di Dio.