Alice nel Paese delle meraviglie/X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il ballo dei gamberi

../IX ../XI IncludiIntestazione 9 aprile 2008 75% Romanzi

IX XI


La Falsa-testuggine cacciò un gran sospiro e si passò il rovescio d’una natatoia sugli occhi. Guardò Alice, e cercò di parlare, ma per qualche istante ne fu impedita dai singhiozzi.

— Come se avesse un osso in gola, — disse il Grifone, e si mise a scuoterla e a batterle la schiena. Finalmente la Falsa-testuggine ricuperò la voce e con le lagrime che le solcavano le gote, riprese:

— Forse tu non sei vissuta a lungo sott’acqua... ( — Certo che no, — disse Alice) — e forse non sei mai stata presentata a un gambero... (Alice stava per dire: — Una volta assaggiai... — ma troncò la frase e disse: — No mai): — così tu non puoi farti un’idea della bellezza d’un ballo di gamberi?

— No, davvero, — rispose Alice. — Ma che è mai un ballo di gamberi?

— Ecco, — disse il Grifone, — prima di tutto si forma una linea lungo la spiaggia...

— Due! — gridò la Falsa-testuggine. — Foche, testuggini di mare, salmoni e simili: poi quando si son tolti dalla spiaggia i polipi...

— E generalmente così facendo si perde del tempo, — interruppe il Grifone.

— ...si fa un avant-deux.

— Ciascuno con un gambero per cavaliere, — gridò il Grifone.

— Eh già! — disse la Falsa-testuggine: — si fa un avant-deux, e poi un balancé...

— Si scambiano i gamberi e si ritorna en place, — continuò il Grifone.

— E poi capisci? — continuò la Falsa-testuggine, — si scaraventano i... Nessun testo alternativo — I gamberi! — urlo il Grifone, saltando come un matto.

...nel mare, più lontano che si può...

— Quindi si nuota dietro di loro! — strillò il Grifone.

— Si fa capitombolo in mare! — gridò la Falsa-testuggine, saltellando pazzamente qua e la.

— Si scambiano di nuovo i gamberi! — Vociò il Grifone.

— Si ritorna di nuovo a terra, e... e questa è la prima figura, — disse la Falsa-testuggine, abbassando di nuovo la voce. E le due bestie che poco prima saltavano come matte, si accosciarono malinconicamente e guardarono Alice.

— Vuoi vederne un saggio? — domandò la Falsa-testuggine.

— Mi piacerebbe molto, — disse Alice.

— Coraggio, proviamo la prima figura! disse la Falsa-testuggine al Grifone. — Possiamo farla senza gamberi. Chi canta?

— Canta tu, — disse il Grifone. — Io ho dimenticate le parole.

E cominciarono a ballare solennemente intorno ad Alice, pestandole i piedi di quando in quando, e agitando le zampe anteriori per battere il tempo. La Falsa-testuggine cantava adagio adagio malinconicamente:

      
Alla chiocciola il nasello: "Su, dicea, cammina presto;
mi vien dietro un cavalluccio — che uno stinco m’ha già pesto:
vedi quante mai testuggini — qui s’accalcan per ballare!"

Presto vuoi, non vuoi danzare?
Presto vuoi, non vuoi danzare?

"Tu non sai quant’è squisita — come è dolce questa danza
quando in mar ci scaraventano — senza un’ombra di esitanza!"
Ma la chiocciola rispose: — "Grazie, caro, è assai lontano,
e arrivar colà non posso — camminando così piano."

Non potea, volea danzare!
Non potea, volea danzare!

"Ma che importa s’è lontano" — all’amica fe’ il nasello
"dèi saper che all’altra sponda — c’è un paese assai più bello!
Più lontan della Sardegna — più vicino alla Toscana.
Non temer, vi balleremo — tutti insieme la furlana."

Presto vuoi, non vuoi danzare?
Presto vuoi, non vuoi danzare?


Nessun testo alternativo — Grazie, è un bel ballo, — disse Alice, lieta che fosse finito; — e poi quel canto curioso del nasello mi piace tanto!

— A proposito di naselli, — disse la Falsa-testuggine, — ne hai veduti, naturalmente?

— Sì, — disse Alice, — li ho veduti spesso a tavo... — E si mangiò il resto.

— Non so dove sia Tavo, — disse la Falsa-testuggine — ma se li hai veduti spesso, sai che cosa sono.

— Altro! — rispose Alice meditabonda, — hanno la coda in bocca e sono mollicati.

— Ma che molliche! — soggiunse la Falsa-testuggine, — le molliche sarebbero spazzate dal mare. Però hanno la coda in bocca; e la ragione è questa...

E a questo la Falsa-testuggine sbadigliò e chiuse gli occhi. — Digliela tu la ragione, — disse al Grifone.

— La ragione è la seguente, — disse il Grifone. — Essi vollero andare al ballo; e poi furono buttati in mare; e poi fecero il capitombolo molto al di là, poi tennero stretta la coda fra i denti; e poi non poterono distaccarsela più; e questo è tutto.

— Grazie, — disse Alice, — molto interessante. Non ne seppi mai tanto dei naselli.

— Presto facci un racconto delle tue avventure, — disse il Grifone.

— Ne potrei raccontare cominciando da stamattina, — disse timidamente Alice; — ma è inutile raccontarvi quelle di ieri, perchè... ieri io ero un altra.

— Come un’altra? Spiegaci, — disse la Falsa-testuggine.

— No, no! prima le avventure, — esclamò il Grifone impaziente; — le spiegazioni occupano tanto tempo.

Così Alice cominciò a raccontare i suoi casi, dal momento dell’incontro col Coniglio bianco; ma tosto si cominciò a sentire un po’ a disagio, chè le due bestie le si stringevano da un lato e l’altro, spalancando gli occhi e le bocche; ma la bambina poco dopo riprese coraggio. I suoi uditori si mantennero tranquilli sino a che ella giunse alla ripetizione del "Sei vecchio, caro babbo", da lei fatta al Bruco. Siccome le parole le venivano diverse dal vero originale, la Falsa-testuggine cacciò un gran sospiro, e disse: — È molto curioso!

— È più curioso che mai! — esclamò il Grifone.

— È scaturito assolutamente diverso! — soggiunse la Falsa-testuggine, meditabonda. — Vorrei che ella ci recitasse qualche cosa ora. Dille di cominciare.

E guardò il Grifone, pensando ch’egli avesse qualche specie d’autorità su Alice.

— Levati in piedi, — disse il Grifone, — e ripetici la canzone: "Trenta quaranta..."

— Oh come queste bestie danno degli ordini, e fanno recitar le lezioni! — pensò Alice; — sarebbe meglio andare a scuola subito!

A ogni modo, si levò, e cominciò a ripetere la canzone; ma la sua testolina era così piena di gamberi e di balli, che non sapeva che si dicesse, e i versi le venivano male:


"Son trenta e son quaranta," — il gambero già canta,
"M’ha troppo abbrustolito — mi voglio inzuccherare,
In faccia a questo specchio — mi voglio spazzolare,
E voglio rivoltare — e piedi e naso in su!"


— Ma questo è tutto diverso da quello che recitavo da bambino, — disse il Grifone.

— È la prima volta che lo sento, — osservò la Falsa-testuggine; — ed è una vera sciocchezza!

Alice non rispose: se ne stava con la faccia tra le mani, sperando che le cose tornassero finalmente al loro corso naturale.

— Vorrei che me lo spiegassi, — disse la Falsa-testuggine.

— Non sa spiegarlo, — disse il Grifone; — comincia la seconda strofa.

— A proposito di piedi, — continuò la Falsa-testuggine, — come poteva rivoltarli, e col naso, per giunta?

— È la prima posizione nel ballo, — disse Alice; ma era tanto confusa che non vedeva l’ora di mutar discorso.

— Continua la seconda strofa, — replicò il Grifone con impazienza; — comincia: "Bianca la sera."

Alice non osò disubbidire, benchè sicura che l’avrebbe recitata tutt’al rovescio, e continuò tremante:


"Al nereggiar dell’alba — nel lor giardino, in fretta,
tagliavano un pasticcio — l’ostrica e la civetta."


— Perchè recitarci tutta questa robaccia? interruppe la Falsa-testuggine; — se non ce la spieghi? Fai tanta confusione!

— Sì, sarebbe meglio smettere, — disse il Grifone. E Alice fu più che lieta di terminare.

— Vogliamo provare un’altra figura del ballo dei gamberi? — continuò il Grifone. — O preferiresti invece che la Falsa-testuggine cantasse lei?

— Oh, sì, se la Falsa-testuggine vorrà cantare! — rispose Alice; ma con tanta premura, che il Grifone offeso gridò: — Ah tutti i gusti sono gusti. Amica, cantaci la canzone della "Zuppa di testuggine."

La Falsa-testuggine sospirò profondamente, e con voce soffocata dai singhiozzi cantò così:


Bella zuppa così verde
in attesa dentro il tondo
chi ti vede e non si perde
nel piacere più profondo?

Zuppa cara, bella zuppa,
zuppa cara, bella zuppa,
bella zuppa, bella zuppa,
zuppa cara,
bella bella bella zuppa!

Bella zuppa, chi è il meschino
che vuol pesce, caccia od altro?
Sol di zuppa un cucchiaino
preferir usa chi è scaltro.

Solo un cucchiain di zuppa,
cara zuppa, bella zuppa,
cara zuppa, bella zuppa,
zuppa cara,
bella bella bella zuppa!


— Ancora il coro! — gridò il Grifone.

E la Falsa-testuggine si preparava a ripeterlo, quando si udì una voce in distanza:

— Si comincia il processo!

— Vieni, vieni! — gridò il Grifone, prendendo Alice per mano, e fuggiva con lei senza aspettare la fine.

— Che processo? — domandò Alice; ma il Grifone le rispose: — Vieni! — e fuggiva più veloce, mentre il vento portava più flebili le melanconiche parole:


Zuppa cara,
bella bella bella zuppa!