Andromaca (Euripide - Romagnoli)/Quarto stasimo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quarto stasimo

../Quarto episodio ../Quinto episodio IncludiIntestazione 25 gennaio 2020 75% Da definire

Euripide - volume VI
Andromaca
(420 a.C.)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli (1931)
Quarto stasimo
Quarto episodio Quinto episodio


[p. 77 modifica]

Tragedie di Euripide (Romagnoli) VI-0080.png


coro
Strofe I
O Febo, che di valide
torri munisti la collina d’Ilio,
e tu, Nume del mar, che sopra ceruli
cavalli il cocchio tuo spingi sul pelago,
perché lasciar della man nostra l’opera
ad Enfalo in balia
feroce, onde poi Troia
onde poi Troia misera pena?

Antistrofe I
Molti, lunghessi i margini
del Simèta aggiogaste ai cocchi rapidi,
corsieri, e molte provocaste d’uomini
contese, che corona al crin non cinsero.
Ed i re d’Ilio sterminati caddero;
né su l’are dei Numi
in Ilio piú la fulgida
fiamma brillò fra gli odorosi fumi.

[p. 78 modifica]


Strofe II
E per man della sua sposa, Agamènnone
cadde; e per man dei figli, ella medesima
fU spenta; e sangue compensò l’eccidio
del Dio, del Dio su lei piombò l’oracolo,
allor che d’Argo dell’Atride il germine
giunse, che penetrato era del Dio
nel tempio arcano; e giunse al matricidio.
O Febo, o Nume, e crederlo posso io?

Antistrofe II
E molte spose per le vie de l’Èllade
levar sui figli uccisi ululi e gemiti,
e abbandonar le case antiche, e mossero
ad altro sposo: le sciagure orribili
non te soltanto e i cari tuoi colpirono:
tutta il morbo colpi l’Èllade; e lampi
d’interna strage saettando, un fulmine
tutti solcò di Frigia i pingui campi.

Tragedie di Euripide (Romagnoli) VI-0081.png