Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876/Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV/CIX. De quodam qui paciebatur in oculo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CIX. De quodam qui paciebatur in oculo

../CVIII. De vivendo de suo labore ../CX. De quodam qui decipit pluries quendam IncludiIntestazione 26 marzo 2014 75% Da definire

Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - CVIII. De vivendo de suo labore Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - CX. De quodam qui decipit pluries quendam
[p. 282 modifica]

CIX.
De quodam qui paciebatur in oculo (ivi).


Em per zo che peccar soio
contra De per me orgoio,
se o penna nenoio1
4zo che o firao desvoio.

[p. 283 modifica]

ma de tuto zo me doio,
pentio son, e preigar2 voio
De chi me sanne d esto oio,
8e san Columbam da Bobio.

Note

  1. CIX, 3. ms.: nēoio. Forse: s eo penna ne recoio (raccolgo), potendo quella cifra, che propriamente vale n, essere scritta per isbaglio in cambio dell’altra che rappresenta r o la sillaba re. Ma ancora mancherebbe il c. Meglio: se o penna ni enoio (cfr. inoio lxxv, 58).
  2. 6. corr.: pregar. Il g mal fatto, e si scorge che prima era scritto preicar (predicare).