Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876/Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV/CXXXVII. De multis perfectionibus quas posset habere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXXVII. De multis perfectionibus quas posset habere

../CXXXVI. ../CXXXVIII. De condicione civitate Janue, loquendo con quedam domino de Brixa IncludiIntestazione 30 marzo 2014 75% Da definire

CXXXVII. De multis perfectionibus quas posset habere
Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - CXXXVI. Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - CXXXVIII. De condicione civitate Janue, loquendo con quedam domino de Brixa
[p. 308 modifica]

CXXXVII.
De multis perfectionibus quas posset habere (c. cviii).


Pusor via son apensao,
che se da De fosse dao
ch e fosse zovem, frescho e san;
4e no avese lo cor van,
ma con seno de natura
fosse pin d ogni scritura,
per dritamenti raxonar
8e mi e aotri conseiar;
con memoria tegnente,
d aver ben tuto per mente;
abiando fren en far e dir,
12e astenese da falir;
e caschaun staese atento
mi fazando parlamento;
chi me vorese noxer
16se sentisse la man coxer;
e ogni dito e faito me
fosse in bon piaxer de De;
ni mai manchasse in borsa mea
20vinti sodi de monea:
veraxementi, zo me par,
e serea un bon scorar,
e, se per mi no romanese,
24un valente homo, se vorese.
e possee1 liberi assai
boni e veraxi e ben mendai;
e lengua e voxe ben sonente,
28per parlar ardiamente.

Note

  1. CXXXVII, 25, ms.: e posse e;- gli ultimi quattro versi meglio sarebber collocati dopo il 20.° -