Codice civile/Libro I/Titolo XI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro Primo - Titolo XI: Dell'affiliazione e dell'affidamento [400-403]

../Titolo X ../Titolo XII IncludiIntestazione 10 marzo 2010 75% Diritto

Libro Primo - Titolo XI: Dell'affiliazione e dell'affidamento [400-403]
Libro I - Titolo X Libro I - Titolo XII

Titolo XI: Dell’affiliazione e dell’affidamento [400-403]

Art. 400 Norme regolatrici dell’assistenza dei minori

L’assistenza dei minori è regolata, oltre che dalle leggi speciali, dalle norme del presente titolo (31 Costit.; vedere anche Legge 4 maggio 1983, n. 184, riportata tra le Leggi Speciali).

Art. 401 Limiti di applicazione delle norme

Le disposizioni del presente titolo si applicano anche ai minori che sono figli di genitori non conosciuti, ovvero figli naturali riconosciuti dalla sola madre (250, 258) che si trovi nell’impossibilità di provvedere al loro allevamento.
Le stesse disposizioni si applicano ai minori ricoverati in un istituto di pubblica assistenza o assistiti da questo per il mantenimento, l’educazione o la rieducazione, ovvero in istato di abbandono materiale o morale.

Art. 402 Poteri tutelari spettanti agli istituti di assistenza

L’istituto di pubblica assistenza esercita i poteri tutelari sul minore ricoverato o assistito (406, 412), secondo le norme del titolo X, capo I di questo libro (343 e seguenti), fino a quando non si provveda alla nomina di un tutore (348), e in tutti i casi nei quali l’esercizio della patria potestà o della tutela sia impedito (317, 330, 384). Resta salva la facoltà del giudice tutelare di deferire la tutela all’ente di assistenza o all’ospizio, ovvero di nominare un tutore a norma dell’art. 354 (316 e seguenti).
Nel caso in cui il genitore riprenda l’esercizio della patria potestà, l’Istituto deve chiedere al giudice tutelare di fissare eventualmente limiti o condizioni a tale esercizio.

Art. 403 Intervento della pubblica autorità a favore dei minori

Quando il minore è moralmente o materialmente abbandonato o è allevato in locali insalubri o pericolosi, oppure da persone per negligenza, immoralità, ignoranza o per altri motivi incapaci di provvedere all’educazione di lui, la pubblica autorità, a mezzo degli organi di protezione dell’infanzia, lo colloca in luogo sicuro, sino a quando si possa provvedere in modo definitivo alla sua protezione.