Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica/Al molt'illustre il sognor Hieronimo Fosco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Al molt'illustre il signor Hieronimo Fosco

../Al molt'illustre Girolamo Fosco ../Contra l'alchimia; e gli alchimisti IncludiIntestazione 9 gennaio 2019 75% Da definire

Al molt'illustre Girolamo Fosco Contra l'alchimia; e gli alchimisti


[p. vi modifica]

Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606 (page 10 crop).jpg


A L  M O L T' I L L V S T R E.

e Reuerendiſs. Monſignore

I L  S I G N O R

H I E R O N I M O  F O S C O.


Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606(1) (page 10 crop).jpg


NEL FOSCO tuo ſua ſpenta lampa accende
Chi dal calle d'honor torſe le piante;
E con sì chiaro, e degno lume auante
Di nouo' l bel camin ſcorge, e riprende.
Dal S A C R O  N O M E poi ciaſcun' apprende
A farſi vero di virtute amante;
E'l manſueto al fin graue ſembiante
Lieta, e tranquilla altrui l'anima rende.
Quinci al S O M M O  P A S T O R grato rieſci
Sì, ch'ei de l'ampia ſua diletta greggia
La parte à lui più cara à te confida.
Che tanta nel tuo cor pietà s'annida,
E tanto zelo in te ſplende, e fiammeggia,
Ch'ero ogn'hor doni, e ogn'hor teſoro ascreſci.

[p. vi modifica]

Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606 (page 10 crop).jpg


A L  M O L T' I L L U S T R E.

e Reverendiss. Monsignore

I L  S I G N O R

H I E R O N I M O  F O S C O.


Ingegneri - Contro l'alchimia e gli alchimisti palinodia dell'Argonautica, 1606(1) (page 10 crop).jpg


NEL FOSCO tuo sua spenta lampa accende
Chi dal calle d'honor torse le piante;
E con sì chiaro, e degno lume avante
Di novo' l bel camin scorge, e riprende.
Dal S A C R O  N O M E poi ciascun' apprende
A farsi vero di virtute amante;
E'l mansueto al fin grave sembiante
Lieta, e tranquilla altrui l'anima rende.
Quinci al S O M M O  P A S T O R grato riesci
Sì, ch'ei de l'ampia sua diletta greggia
La parte à lui più cara à te confida.
Che tanta nel tuo cor pietà s'annida,
E tanto zelo in te splende, e fiammeggia,
Ch'ero ogn'hor doni, e ogn'hor tesoro ascresci.