Cuore (1889)/Dicembre/In casa del ferito

Da Wikisource.
Dicembre - In casa del ferito

../Le maestre ../Il piccolo scrivano fiorentino IncludiIntestazione 26 novembre 2014 100% Romanzi

Dicembre - Le maestre Dicembre - Il piccolo scrivano fiorentino


[p. 64 modifica]fiorentino, che il maestro mi diede a copiare; e mio padre mi ha detto: - Andiamo su al quarto piano, a veder come sta dell’occhio quel signore. - Siamo entrati in una camera quasi buia, dov’era il vecchio a letto, seduto, con molti cuscini dietro le spalle; accanto al capezzale sedeva sua moglie, e c’era in un canto il nipotino che si baloccava. Il vecchio aveva l’occhio bendato. È stato molto contento di veder mio padre, ci ha fatto sedere e ha detto che stava meglio, che l’occhio non era perduto, non solo, ma che a capo di pochi giorni sarebbe guarito. - Fu una disgrazia, - ha soggiunto; - mi duole dello spavento che deve aver avuto quel povero ragazzo. - Poi ci ha parlato del medico, che doveva venir a quell’ora, a curarlo. Proprio in quel punto, suona il campanello. - È il medico, - dice la signora. La porta s’apre.... E chi vedo? Garoffi, col suo mantello lungo, ritto sulla soglia, col capo chino, che non aveva coraggio di entrare. - Chi è? - domanda il malato. - E il ragazzo che tirò la palla, - dice mio padre. - E il vecchio allora: - O povero ragazzo! vieni avanti; sei venuto a domandar notizie del ferito, non è vero? Ma va meglio, sta tranquillo, va meglio, son quasi guarito. Vieni qua. - Garoffi, confuso che non ci vedeva più, s’è avvicinato al letto, forzandosi per non piangere, e il vecchio l’ha carezzato, ma egli non poteva parlare. - Grazie,- ha detto il vecchio, - va pure a dire a tuo padre e a tua madre che tutto va bene, che non si dian più pensiero. - Ma Garoffi non si moveva, pareva che avesse qualcosa da dire, ma non osava. - Che mi hai da dire? che cosa vuoi? - Io... nulla. - Ebbene, addio, a rivederci, ragazzo; vattene pure col cuore [p. 65 modifica]in pace. Garoffi è andato fino alla porta, ma là s’è fermato, e s’è volto indietro verso il nipotino, che lo seguitava, e lo guardava curiosamente. Tutt’a un tratto, cavato di sotto al mantello un oggetto, lo mette in mano al ragazzo, dicendogli in fretta: — È per te, — e via come un lampo. Il ragazzo porta l’oggetto allo zio; vedono che c’è scritto su: Ti regalo questo; guardan dentro, e fanno un’esclamazione di stupore. Era l’album famoso, con la sua collezione di francobolli, che il povero Garoffi aveva portato, la collezione di cui parlava sempre, su cui aveva fondato tante speranze, e che gli era costata tante fatiche; era il suo tesoro, povero ragazzo, era metà del suo sangue, che in cambio del perdono egli regalava!


IL PICCOLO SCRIVANO FIORENTINO.

(Racconto mensile)


Faceva la quarta elementare. Era un grazioso fiorentino di dodici anni, nero di capelli e bianco di viso, figliuolo maggiore d’un impiegato delle strade ferrate, il quale, avendo molta famiglia e poco stipendio, viveva nelle strettezze. Suo padre lo amava assai, ed era buono e indulgente con lui: indulgente in tutto fuorchè in quello che toccava la scuola: in questo pretendeva molto e si mostrava severo perchè il figliuolo doveva mettersi in grado di ottener presto un impiego per aiutar la famiglia; e per valer presto qualche cosa