Cuore (1889)/Marzo/Mia sorella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Marzo - Mia sorella

../Litigio ../Sangue romagnolo IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Romanzi

Marzo - Litigio Marzo - Sangue romagnolo


[p. 174 modifica]

MIA SORELLA.

24, venerdì.

Perché, Enrico, dopo che nostro padre t’aveva già rimproverato d’esserti portato male con Coretti, hai fatto ancora quello sgarbo a me? Tu non immagini la pena che n’ho provata. Non sai che quand’eri bambino ti stavo per ore e ore accanto alla culla, invece di divertirmi con le mie compagne, e che quand’eri malato scendevo da letto ogni notte per sentire se ti bruciava la fronte? Non lo sai, tu che offendi tua sorella, che se una sventura tremenda ci colpisse, ti farei da madre io, e ti vorrei bene come a un figliuolo? Non sai che quando nostro padre e nostra madre non ci saranno più, sarò io la tua migliore amica, la sola con cui potrai parlare dei nostri morti e della tua infanzia, e che se ci fosse bisogno lavorerei per te, Enrico, per guadagnarti il pane e farti studiare, e che ti amerò sempre quando sarai grande, che ti seguirò col mio pensiero quando andrai lontano, sempre, perché siamo cresciuti insieme e abbiamo lo stesso sangue? [p. 175 modifica]O Enrico, stanne pur sicuro, quando sarai un uomo, se t’accadrà una disgrazia, se sarai solo, sta pur sicuro che mi cercherai, che verrai da me a dirmi: - Silvia, sorella, lasciami stare con te, parliamo di quando eravamo felici, ti ricordi? parliamo di nostra madre, della nostra casa, di quei bei giorni tanto lontani. - O Enrico, tu troverai sempre tua sorella con le braccia aperte. Sì, caro Enrico, e perdonami anche il rimprovero che ti faccio ora. Io non mi ricorderò di alcun torto tuo, e se anche tu mi dessi altri dispiaceri, che m’importa? Tu sarai sempre mio fratello lo stesso, io non mi ricorderò mai d’altro che d’averti tenuto in braccio bambino, d’aver amato padre e madre con te, d’averti visto crescere, d’essere stata per tanti anni la tua più fida compagna. Ma tu scrivimi una buona parola sopra questo stesso quaderno e io ripasserò a leggerla prima di sera. Intanto, per mostrarti che non sono in collera con te, vedendo che eri stanco, ho copiato per te il racconto mensile Sangue romagnolo, che tu dovevi copiare per il muratorino malato: cercalo nel cassetto di sinistra del tuo tavolino. L’ho scritto tutto questa notte mentre dormivi. Scrivimi una buona parola, Enrico, te ne prego.

Tua sorella Silvia.


Non sono degno di baciarti le mani.

Enrico.