D.P.R. 15 luglio 1989 - Cambiamento denominazione Istituti professionali

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Presidente della Repubblica Italiana

1989 D Discussione:D.P.R. 15 luglio 1989 - Cambiamento denominazione Istituti professionali diritto diritto D.P.R. 15 luglio 1989 - Cambiamento denominazione Istituti professionali Intestazione 14 gennaio 2013 25% diritto

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Modificazione alla denominazione degli istituti professionali alberghieri, per il commercio e femminili.
1989
G.U. di pubblicazione: 14 agosto 1990


Documenti collegati:
15 luglio 1989, n. , in materia di Modificazione alla denominazione degli istituti professionali alberghieri, per il commercio e femminili



DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1989 Modificazione alla denominazione degli istituti professionali alberghieri, per il commercio e femminili. (GU n.189 del 14-8-1990)


IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'art. 9 del regio decreto-legge 21 settembre 1938, n. 2038, convertito in legge 2 giugno 1939, n. 739, che consente all'amministrazione scolastica di istituire scuole ad ordinamento speciale;
Vista la legge 27 ottobre 1969, n. 754, sulla sperimentazione negli istituti professionali;
Visti i decreti del Presidente della Repubblica istitutivi degli istituti professionali alberghieri elencati nella tabella A annessa al presente decreto;
Visti i decreti del Presidente della Repubblica istitutivi degli istituti professionali per il commercio elencati nella tabella B annessa al presente decreto;
Visti i decreti del Presidente della Repubblica istitutivi degli istituti professionali femminili elencati nella tabella C annessa al presente decreto;
Considerato che la classificazione e la denominazione formale dei predetti istituti professionali non e' sempre coerente con la terminologia che si e' andata consolidando, in relazione alla evoluzione del sistema produttivo, nella pubblicistica e nel linguaggio specializzato e comune, determinando di conseguenza ambiguita' ed incertezze interpretative da parte degli utenti; Considerato, altresi' che i contenuti didattici caratterizzanti in origine i suddetti istituti professionali sono venuti in parte a modificarsi, in rapporto alla evoluzione della realta' socio-economica e del mercato del lavoro, mediante il progressivo aggiornamento dei programmi di studio realizzato anche attraverso le procedure di sperimentazione previste dall'art. 3 del decreto del Presidente della Repubblica 31 maggio 1974, n. 419;
Ritenuto infine che i suddetti istituti professionali, pur nella specificita' delle rispettive offerte formative, possono essere ricondotti ad un'unica area da individuarsi nel settore economico dei servizi nelle sue articolazioni dei servizi alberghieri e della ristorazione, dei servizi commerciali turistici e della pubblicita', e dei servizi sociali;
Sulla proposta del Ministro della pubblica istruzione di concerto con i Ministri dell'interno, del tesoro, dell'industria, del commercio e dell'artigianato, del turismo e dello spettacolo;

Decreta:

Articolo unico

A decorrere dalla data del presente decreto, gli istituti professionali alberghieri, elencati nell'allegata tabella A, gli istituti professionali per il commercio, elencati nell'allegata tabella B, gli istituti professionali femminili, elencati nell'allegata tabella C, assumono la denominazione di istituti professionali di Stato per i servizi con l'indicazione, rispettivamente, di "servizi alberghieri e della ristorazione"; "servizi commerciali, turistici e della pubblicita'"; "servizi sociali".
Conseguentemente le norme e gli atti amministrativi che fanno riferimento alle donominazioni di Istituti professionali, modificate con il presente decreto, si devono intendere riferiti alle nuove denominazioni.
Il presente decreto sara' inviato alla Corte dei conti per la registrazione e sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Dato a Roma, addi' 15 luglio 1989

COSSIGA

  • GALLONI, Ministro della pubblica istruzione
  • GAVA, Ministro dell'interno
  • AMATO, Ministro del tesoro
  • BATTAGLIA, Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato
  • CARRARO, Ministro del turismo e dello spettacolo

Registrato alla Corte dei conti il 15 maggio 1990
Registro n. 19 Presidenza, foglio n. 252