Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro terzo/9. Il terzo secolo dell’imperio giá decadente

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
9. Il terzo secolo dell’imperio giá decadente

../8. Gli Antonini ../10. Diocleziano e i successori fino a Costantino IncludiIntestazione 21 aprile 2018 75% Da definire

Libro terzo - 8. Gli Antonini Libro terzo - 10. Diocleziano e i successori fino a Costantino

[p. 72 modifica]9. Il terzo secolo dell’imperio giá decadente [193-285]. — Quindi, per quasi un secolo, nuove contese di successione, ed imperatori cosí moltiplici che appena si possono numerare. — Pertinace innalzato dagli uccisori di Commodo per tre mesi, e poi ucciso [193]; Didio Giuliano, che comprò l’imperio all’incanto dai pretoriani; Pescennio acclamato dalle legioni di Siria, Albino dalle britanniche, Settimio Severo dall’illiriche. Vinse l’ultimo; fu buon soldato, sconfisse i parti, regnò diciassette anni [193-211], e lasciò l’imperio ai due figliuoli suoi Caracalla e Geta. — I quali regnarono per poco insieme, odiandosi. Caracalla uccise il fratello in grembo alla madre; e, come era conseguente, tiranneggiò poi. Guerreggiò con gli alemanni, una nuova lega (come suona il nome) di germani diversi raccogliticci che si vede sottentrar ora a quella che sparisce de’ marcomanni. Caracalla fu quegli che estese il diritto di cittadinanza dall’Italia a tutte le province. Dicesi il facesse per accrescer l’entrate, estendendo i carichi pubblici; ed è strano veder quindi che questi avesser pesato piú su coloro i quali aveano diritto e nome di cittadini, che non sui provinciali. Ad ogni modo, cosí cessò il nome stesso di quel primato conquistato giá con tanto sangue dagli italiani, sancito in essi da Augusto. Mentre Caracalla guerreggiava co’ parti, fu ucciso dal prefetto del pretorio [211-217]. — Questi, Macrino, comprata la [p. 73 modifica]pace da que’ barbari, era tuttavia in Asia, quando le legioni innalzarono Eliogabalo, un giovine sacerdote del Sole, che Soemi sua madre proclamò figliuolo di Caracalla. Battutisi i due, rimase vincitore e imperatore il giovine sacerdote [217-218]. Il quale portò sul trono di Roma, pur giá tanto macchiato, nuove infamie, nuove superstizioni; e fu trucidato in men di quattro anni dalle guardie [218-222]. — Alessandro Severo cugino di lui, e adolescente egli pure, fu tuttavia diversissimo. Costumato, belligero, restaurator di discipline, guerreggiò co’ persiani, i quali avean testé distrutta la potenza de’ parti non saputa distruggere mai da’ romani, ed avean cosí fondato un nuovo imperio, anche piú pericoloso. E guerreggiando co’ germani fu trucidato da’ soldati impazienti della rinnovata disciplina [222-235]. — Massimino, un soldato trace semibarbaro e feroce, mal innalzato cosí, guerreggiò tuttavia felicemente contra i germani, i pannoni e i sarmati stessi piú lontani; ma intanto furono gridati in Roma, prima due Gordiani padre e figlio; poi, morti questi, un Papieno, un Balbino. Contra i quali scendendo Massimino dal Sirmio, furono uccisi tutti e tre, ciascuno da’ propri soldati, e rimase solo un terzo Gordiano, figlio e nipote de’ due altri [237-238]. — Il quale, quasi fanciullo, regnò prima sotto la tutela d’un prefetto del pretorio, e fu sei anni appresso ucciso da un altro [238-244]. — Costui, un arabo, chiamato Filippo, tenne cinque anni l’imperio, disputatogli in varie province, toltogli colla vita da Decio suo capitano, ch’egli avea mandato a combattere competitori in Pannonia [244-249]. — Decio guerreggiò contro a’ goti invadenti per la prima volta l’imperio di qua dal Danubio, e morí col figlio, sconfitto da essi [249-251]. — L’esercito acclamò Gallo, l’uccise tra pochi mesi; acclamò Emiliano e pur l’uccise, acclamando Valeriano [251-253]. — Valeriano ebbe a difendere i limiti giá intaccati in tutto il giro dagli alemanni sul Reno e l’alto Danubio, da’ goti sul basso, dai persiani sull’Eufrate. E li difese contro a’ primi e a’ secondi, ma succombette e fu preso da’ terzi [253-259]. — Succedettegli Gallieno figliuol suo, giá associato all’imperio; e quindi vidersi due imperatori romani, padre e figlio, languire e perir l’uno ne’ ferri [p. 74 modifica]barbarici, seder l’altro sul maggior trono del mondo; e sorger quindi tanti altri imperatori in ogni provincia, che chi ne conta diciannove, chi trenta, detti nella storia i trenta tiranni. Allora ebbero grand’agio i barbari ad ordinarsi, ad assalire su tutti i limiti. E tre grandi leghe di genti germaniche ne sorsero o crebbero dalle bocche del Reno alle bocche del Danubio: quelle de’ franchi, degli alemanni e dei goti, che furon poi le principali distruggitrici dell’imperio [259-268]. — Morto Gallieno, successegli, chiamato da lui, miglior di lui, Aurelio Claudio che vinse prima uno de’ competitori, gli alemanni, poi i goti, ma morí in breve di peste a Sirmio. Il senato gl’innalzò poi meritamente una grande statua d’oro in Campidoglio [268-270]. — Furono acclamati dal senato Quintilio fratello di Claudio, e dall’esercito, Aureliano; e uccisosi il primo, dopo pochi giorni di porpora, rimase solo il secondo e regnò gloriosamente cinque anni. Respinse gli alemanni e i goti, non piú invasori solamente de’ limiti, ma d’Italia, dell’Umbria! E vinse e prese Zenobia, la famosa regina di Palmira, invaditrice d’Asia minore, Siria ed Egitto. E vinti i rimanenti tiranni in Gallia, Spagna e Britannia, ed abbandonata la Dacia e cosí ridotti i limiti di Traiano, ma restituiti tutt’intorno quelli d’Augusto, poté apparir vincitore, restauratore dell’imperio. Ma fu per poco: dopo cinque anni gloriosissimi, fu ucciso come uno de’ volgari imperatori, e ricadde l’imperio nello strazio consueto [270-275]. — Seguí anzi, strazio nuovo, un interregno di sei mesi; senato ed esercito si rimbalzavan la scelta; non che conteso, l’imperio non era piú desiderato. Finalmente fu eletto dal senato Tacito, un vecchio di settantacinque anni, che morí guerreggiando contro ai goti dopo altri sei mesi [275-276]. — Successero Floriano, fratello di Tacito, per elezione del senato, e Probo, gridato dall’esercito di Siria. Ed ucciso in breve il primo dai propri soldati, rimase solo il secondo. Imperiò e guerreggiò sei anni sul Reno e il Danubio, tra’ quali innalzò un gran muro, vana difesa; fu ucciso al solito dai soldati, i quali tolleravano anche meno i forti imperatori che non i dappoco [276-282]. — Innalzarono Caro prefetto del pretorio che guerreggiò felicemente contro ai goti, ed avviatosi contro ai [p. 75 modifica]persiani, morí, dicesi, di fulmine [282-284]. — E successero insieme i due figliuoli di lui Carino e Numeriano. Ma in breve, ucciso Numeriano dal suo prefetto del pretorio, e innalzato a luogo di lui Diocleziano, e ucciso pur Carino da un tribuno a cui egli avea tolta la moglie, rimase solo Diocleziano [284-285]. Tristo secolo, deplorabile imperio, noiosa storia!