Disjecta/XV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XV

../XIV ../XVI IncludiIntestazione 4 dicembre 2016 100% Poesie

XIV XVI

[p. 33 modifica]


XV.

Oh! primavera gioventù dell’anno,
Oh! gioventù primavera della vita.


Spunta il mattino e l'alba è scolorata,
Sul salice novello
Il passero dall’ale
Si scote indolenzito la brinata,
Tace la valle e tacciono gli steli,
Fischiano i venti e le recenti gemme
Stillan di pioggia al ritornar de’ geli:
E intanto nel cespuglio e nel roveto
Un mesto fior si schiude,
Si schiude una viola.
La viola bruna — il fior di sepolcreto.

[p. 34 modifica]

Oh che sì mesta fossi
Nel libro di lassù scritto non era,
O mattin di natura, o primavera!


Tarchetti - Disjecta, 1879 020.png


     Del quinto lustro appena
Dolorando così volo su l’ale,
E una cura profonda,
E un avido desire
Smanioso della tomba il cor mi assale.
Delle deserte stanze
Apro le imposte e miro
La soffrente natura,
E nell'appeso speglio,
Le disfatte sembianze,
Che il gelo del dolor strusse repente.
Pur gioventù mi arride e in ciel non eri
Certo così segnata
Di precoce vecchiezza,
O mattin della vita, o giovinezza!


Tarchetti - Disjecta, 1879 020.png


     Qual fato dunque, qual terribil fato
Ha le stabili leggi
Di natura mutato?

[p. 35 modifica]

Stille di pioggia e gemme disseccate,
Poveri fior recisi,
Vergini volti e guancie giovinette
Di lacrime solcate...
Tale il mondo affatica e mi assecura
Di rapida rovina
Un’arcana sventura;
Nè a te fu dato, a te, stagion novella,
D’intatti fiori ornarti;
Nè a te di gioie assaporar l’ebbrezza,
O mattin della vita o giovinezza!



Tarchetti - Disjecta, 1879 071.png