E osò Morte cotanto? Ah! Del suo stolto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bernardo Spada

E Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura E osò Morte cotanto? Ah! Del suo stolto Intestazione 16 giugno 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Bernardo Spada


[p. 387 modifica]

III


E osò Morte cotanto? Ah! del suo stolto
     Ardir le incresca, e il gran Francesco estinto
     Veda gir più fastoso or ch’è disciolto i
     Da quel vil laccio, che il teneva avvinto.
5Veda l’illustre Eroe tra vario, e folto
     Stuol di virtudi d’alta luce cinto
     Mostrar nel tempio della Gloria il volto
     Di vincitore in atto, e non di vinto.
Veda al piede di lui mordere il suolo
     10L’Empietà fra ritorte, e con eguale
     Nodo la Sorte rea stretta in catena.
O se Morte nol mira, è perchè al solo;
     Al sol nome di lui reso immortale
     Soffre del fallo suo tutta la pena.