Elementi/Libro primo/Diffinitione 14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro primo
Diffinitione 14

../Diffinitione 13 ../Diffinitione 15 IncludiIntestazione 28 luglio 2008 75% matematica

Euclide - Elementi (Antichità)
Traduzione dal greco di Niccolò Tartaglia (1543)
Libro primo
Diffinitione 14
Libro primo - Diffinitione 13 Libro primo - Diffinitione 15
[p. 12r modifica]
Diffinitione 14.
14|15.16 Il cerchio è una figura piana contenuta da una sola linea, la quale è chiamata circonferentia, in mezzo dellaqual figura è un ponto, dalqual tutte le linee rette ch’escano, & uadano alla circonferentia sono fra loro equali & quel tale ponto è detto centro del cerchio. [p. 12v modifica]
Il Tradottore.


EuclidB1D15a.png
In questa diffinitione l’Autthor ci da a cognoscere qualmente il cerchio è compreso sotto tre conditioni: la prima è, che è una figura piana, cioè, superficie piana, e non conuessa, ne concaua, ouero montuosa: la seconda, che è contenuta da un sol termine, ouero da una sola linea, chiamata circonferentia: la terza, che nel mezzo di quello è un ponto cosi conditionato, che tutte le linee menate da quello alla circonferentia son fra loro equali: si che ogni figura che habbia queste tre conditione è detta cerchio; perilche seguita, che ogni figura, che manchi di alcuna di queste conditioni non se intende esser cerchio: esempli gratia, le due figure .A. & .B. hanno due di quelle tre conditioni che si aspettano al cerchio, cioè, sono figure piane sono etiam contenute da un solo termine,ouero linea, pur chiamata circonferentia: tamen, perche non hanno, ne possono hauere nel mezzo un ponto cosi conditionato che tutte le linee, che, si partino da quello, & uadino alla circonferentia, siano fra loro equali, niuna di
EuclidB1D15b.png
quelle se intende esser cerchio; perche, douendo esser cerchio, bisogna che habbiano etiam l’altra terza conditione, si come ha la figura .C. e pero la detta figura .C. hauendo tutte le dette tre conditioni si chiamerà cerchio, & cosi ogni altra simile, maggiore, ouer minore, & il ponto .C. sopra ilquale uien constituito artificialmente in detto cerchio, è detto centro del detto cerchio: uero è alcuno potria arguire, & dire (come fu detto del ponto, e della linea artificiale) che la detta figura .C. artificialmente fatta, non esser uero cerchio (per molte ragioni, che si potriano addurre) et esser impossibile che l’operante possa constituir un perfetto cerchio: tamem, questa oppositione, ouer dubbio se risolue come fu fatto quello del ponto, & della linea, cioè, per quello, che habbiamo detto nel principio: e perche seria superfluo a replicarlo, di nuouo, mi passo con silentio. Ideo aduerte.