Ellade/IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
IV
Alla medesima.

../III ../V IncludiIntestazione 8 settembre 2010 100% Poesie

III V
[p. 3 modifica]

Sul carro tuo, da passeri condotta,
     Per corso aereo a Giove t’estollesti,
     E cadde al Nume, allor che sorridesti,
     La folgore di mano estinta e rotta.
Ecco, allorquando intenebrato annotta,
     Dal ciel tu scendi, i talami ridesti.
     Tu lieti fai gli umani petti mesti,
     Spiri de’ vati sulla lira dotta,
Che dolce e arcana una letizia infonde,
     Mesci gioia e velen nel core umano
     Tu della terra donna e tu dell’onde.
Spirami, dea: delle tue gioie parte
     Svelami, ridi, porgimi la mano...
     Ma parlo al marmo? Oh! illusïon dell’Arte.