Epistolario di Renato Serra/Alla madre - 22 novembre 1900

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alla madre - 22 novembre 1900

../A Emilio Lovarini - 12 giugno 1900 ../Alla madre - Venerdì 1901 IncludiIntestazione 31 luglio 2010 75% Lettere

Alla madre - 22 novembre 1900
A Emilio Lovarini - 12 giugno 1900 Alla madre - Venerdì 1901

Bologna, 22 novembre 1900.1

Carissimi mamma,

ti scrivo approfittando della gentilezza del Dr. Della Massa2 che si è offerto di portarmi la lettera. Sono nella camera di Mauro Baronio3 da Semprini, dove ho mangiato. Come avevo detto i primi giorni son venuto qui e non cambierò fino a che non vengano da Cesena altri compagni che m’indichino un luogo più economico...

Iscritto mi sono, ma fino alla fine del mese non avrò la tessera e il libretto. Di star bene bene non dico: ma più di tutto mi mancate voialtri: ad ogni minuto direttamente o indirettamente, per cose piccole e per cose grandi, mi accorgo di non esser più in famiglia, e specialmente di non esser più vicino a te; senza dire poi dell’impressione di vuoto, di melanconia che produce l’andare a letto la sera senza sentirvi vicini tutti, senza aver dato la buona notte a te e al papà; lo studiare senza avere quel cane del .... che mi tormenti un poco; il dover andare a tavola senza che ci sia il papà che mi chiami e voialtri che mi aspettiate. Ma spero che tarderò poco a rivedervi; non più di una ventina di giorni; e chi sa che il papà non possa, quest’altra settimana o quell’altra ancora, venirmi a trovare. Vorrei sapere tante cose: se state tutti bene, se a te i tuoi dolori non danno fastidio, se la Pia s’è rifatta completamente; se il papà sta bene, se ha molti ammalati, se è di buon umore; se Nino4 studia e non ti fa arrabbiare; se v’è successo niente - se ti capita l’occasione, mandami una lettera anche tu - e facci aggiungere due righe da Nino, questa volta, e dalla Pia se ne ha voglia. Scusa se ho scritto male; ma la penna cattiva e la fretta mi hanno impedito di scrivere un pò più italiano. Tanti baci ai fratelli al papà e a te dal tuo.

Note

  1. Renato andò studente in lettere a Bologna nel novembre 1900, e vi ritornò come tale fino al 28 novembre 1904, giorno della laurea.
  2. Il dott. Carlo Della Massa di Cesena, amico del padre.
  3. L’avv. Mauro Baronio, allora studente a Bologna, ora morto da lunghi anni.
  4. Il fratello minore Africo.