Er friggitore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
romanesco

Filippo Chiappini XIX secolo E sonetti letteratura Er friggitore Intestazione 20 settembre 2011 75% letteratura

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Siamo nell'anno 1863. La scena è una baracca da friggitore posta all'aria aperta. - Nel mezzo, un banco con sopra dei grandi piatti pieni di fritture rischiarati da quattro fiaccoloni. Avanti al banco sta ritto in piedi il padrone della friggitoria, servendo vari avventori. Da un canto, un focolare su cui un garzone sta friggendo il pesce, e, mentre frigge, attacca briga con un soldato francese.


- Se pô ssapé' sse pô, sor gabbolotto 1,
Si cche ccaggnara famo a cquer focone?
- Gnente, sor Cencio: l'ho cco' 'sto didone 2,
4Che vvò' de riffa 3 er pessce, e nun è ccotto.

Sentì'?! Mme disce bbugro de cossciotto 4,
Si' ammazzato, lui pare un anetrone!
Poco più sto, jj'appoggio u' sventolone 5,
8Che jj'abbotto l'occhiacci, che jj'abbotto 6.

- Sì, bbravo! P'annà 'n gabbia 7; ma vva' là;
Bada ar vantaggio tuo; lassa fà' a mme,
11Che jje parlo in francese come va.

Musiù ddidon, si vvù vulé aspetté,
Aspetté, che 'l pesscé sta in padellà;
14Si nun vulé aspetté, mmorì ammazzé.

Senza data

Note

  1. Gabbolotto = da gabala; per chiacchierone.
  2. Didone = così, dalla comune frase francese dis donc, chiamavansi i soldati francesi che stavano a Roma al tempo del governo pontificio.
  3. Vò' de riffa = immediatamente.
  4. Bugro de cossciotto = dal francese: bugre de cochon.
  5. Sventolone = schiaffo con la mano bene aperta.
  6. J'abbotto = gli gonfio.
  7. In gabbia = per andare in carcere.