Ercole (Senofonte - Leopardi)/Avvertimento del volgarizzatore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Avvertimento del volgarizzatore

../ ../Favola IncludiIntestazione 12 settembre 2008 75% letteratura

Senofonte - Ercole - Favola di Prodico (IV secolo a.C.)
Traduzione dal greco di Giacomo Leopardi (XIX secolo)
Avvertimento del volgarizzatore
Ercole (Senofonte - Leopardi) Favola

Questa Favola, che fu molto famosa appresso gli antichi, menzionata da Cicerone negli Uffici, da Clemente alessandrino, da due Filostrati, da Suida, è tratta dal secondo libro delle Memorie socratiche di Senofonte. Prodico, detto sofista, cioè professor di letteratura, fu dell’isola di Ceo, a tempo di Socrate, e venne in tal fama di sapienza, che si soleva dire in proverbio, come per cosa impossibile o per iperbole, più saggio di Prodico. Andava, secondo la usanza dei sofisti di quel secolo, per le città della Grecia, recitando, tra le altre cose, il ragionamento che conteneva questa medesima favola; per rispetto del quale, come di onera utile alla gioventù fu molto onorato dai Tebani e dai Lacedemoni, e per la eloquenza molto pregiato e ammirato in Atene, dove andò una volta ambasciatore non so se della sua patria o d’altri.