Favole (Fedro)/Libro quarto/VI - Il Poeta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quarto: VI - Il Poeta

../V - Il combattimento de' Topi, e delle Donnole ../VII - La Vipera e la Lima IncludiIntestazione 11 giugno 2011 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro quarto: VI - Il Poeta
Libro quarto - V - Il combattimento de' Topi, e delle Donnole Libro quarto - VII - La Vipera e la Lima
[p. 216 modifica]

FAVOLA VI.

Il Poeta.


TU che nasuto i miei scritti censuri,
     Nè lor d’un guardo (è tal tuo sdegno) onori,
     Soffri, finchè de la tua austera fronte

[p. 217 modifica]

     Le rughe appiani, e a me miglior ti renda;
     5Con novelli coturni eccoti Esopo.
          * Deh non avesse mai Tessala scure
     Stesi nel Pelio giogo a terra i pini:
     Deh non avesse fabbricato unquanco
     Col consiglio di Palla Argo la nave,
     10Ch’a Barbari in lor danno, e a Greci aprìo
     Del mar l’ignoto sen: indi la morte
     Ampla vide a sue prede aprirsi strada.
     Quinci ne piagne del superbo Aeta
     La casa, e di Medea per l’empio ardire
     15Soffrir’ di Pelia i regni eccidio estremo.
     Essa in più modi barbari ingegnosa,
     Co’ sparsi brani del fratello, e il varco
     A la fuga trovò; in quel paterno
     Sangue lordò le figlie. Che ti sembra,
     20Lettor, di tal principio? Ed è scipito,
     Mi rispondi, ed è falso: ognun pur sa,
     Che molto innanzi con possente armata
     Signor del vasto Egeo si fe’ Minosse,
     E un giusto freno a la baldanza impose.
     25Come fia dunque, o leggitor Catone,
     Ch’unqua a te piaccia, se diletto alcuno
     non può recarti, o favoletta, o favola?
     Non pugner le belle arti, se ti è caro
     Da le punture lor andarne esente.
     30Il dissi a tal (se pur vi è alcun sì stolto)

[p. 218 modifica]

     Che tutto ha a schifo, e per parer saccente,
     Scioglie contro del ciel l’audace lingua.