Favole (La Fontaine)/Libro quinto/II - Il Vaso di terra e il Vaso di ferro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro quinto

II - Il Vaso di terra e il Vaso di ferro

../I - Il Boscaiolo e Mercurio ../III - Il Pesciolino e il Pescatore IncludiIntestazione 16 ottobre 2009 50% raccolte di fiabe

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro quinto

II - Il Vaso di terra e il Vaso di ferro
Libro quinto - I - Il Boscaiolo e Mercurio Libro quinto - III - Il Pesciolino e il Pescatore

 
Un Vaso di ferro a un altro di creta
un giorno chiedeva: - Viaggi, vicino?
- No, caro, la fragile natura mel vieta,
restare desidero accanto al camino.

Un picchio, uno spigolo, che a sorte mi tocchi,
può subito mettermi in quindici tocchi,
viaggi chi il corpo si sente più saldo,
qui dentro la cenere deh! lasciami al caldo -.

Il Vaso di ferro per fargli coraggio:
- Non darti pensiero, diletto vicino,
in ogni momento del nostro viaggio
avrai nel mio corpo usbergo e cuscino.

I colpi e gli spigoli conosco da un pezzo,
e vigile sempre a mettermi in mezzo,
né corpo, né punta di cosa un po’ dura
non fia che ti rechi dolore o frattura -.

A queste parole il debol si attacca
al forte compagno, e vanno con Dio:
ma zoppica tu che zoppico anch’io,
un fianco si pesta, un altro si ammacca.

Non vanno mezz’ora che contro il più forte
ha rotte le costole il Vaso di terra.

Chi sta co’ suoi pari, in pace ed in guerra,
del povero Vaso non corre la sorte.