Favole (La Fontaine)/Libro secondo/VI - L'Uccello ferito

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo

VI - L'Uccello ferito

../V - Il Pipistrello e le due Donnole ../VII - La Cagna e la sua Compagna IncludiIntestazione 3 ottobre 2008 75% Da definire

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro secondo

VI - L'Uccello ferito
Libro secondo - V - Il Pipistrello e le due Donnole Libro secondo - VII - La Cagna e la sua Compagna
Chauveau - Fables de La Fontaine - 02-06.png

 
Ferito mortalmente in mezzo al core
imprecava un Uccello all’aspra sorte.
E diceva, inghiottendo il suo dolore:
- A noi noi stessi procacciam la morte!
ché non sarìa così presto e fatale,
se delle nostre penne
non rinforzasse il cacciator lo strale.
Razza crudele! ci consola in fondo
il veder questa gente altera e scaltra,
che, da che mondo è mondo,
una metà sempre distrugge l’altra -.