Favole (La Fontaine)/Libro secondo/XIV - La Lepre e le Rane

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo

XIV - La Lepre e le Rane

../XIII - L'Astrologo che casca nel pozzo ../XV - Il Gallo e la Volpe IncludiIntestazione 3 ottobre 2008 75% Da definire

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro secondo

XIV - La Lepre e le Rane
Libro secondo - XIII - L'Astrologo che casca nel pozzo Libro secondo - XV - Il Gallo e la Volpe
Chauveau - Fables de La Fontaine - 02-14.png

 
Non sapendo una Lepre cosa fare
nella sua tana, per uscir di tedio
sulla sua sorte prese a meditare.
(Dormire o meditare è un gran rimedio.)

- O disgraziati sempre i timorosi!
- dicea fra sé quel povero animale, -
che da paura internamente rosi,
non c’è piacer che non finisca male.

Anche il boccon ti si conficca in gola,
vivi e dormi sospeso, in crucci, in pene:
ogni voce, ogni uccel che in l’aria vola,
ti fa gelare il sangue nelle vene.

"Corrèggiti", mi dice un barbassoro.
Ma si corregge il mal della paura?
Ho veduto fior d’uomini, anche loro
far talvolta una misera figura -

Trista, crucciata e di paura gialla,
così dicea... Quando a un tratto s’udiva
un fruscìo, che la fe’, le gambe in spalla,
d’uno stagno scappar presso la riva.

Le Rane, al suo venir, saltan nel fosso,
e dentro al fango ciascuna si abbica.
- Oh! oh! - grida la Lepre, - e dunque posso
esser anch’io terribile nemica.

Hanno paura, un fulmine di guerra
mi credono, non son quel che già fui.
Ho capito, non c’è poltrone in terra,
che non trovi un poltrone più di lui -.