Favole di Esopo/Di Giove, ed un Villano

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di Giove, ed un Villano

../Di un'Ucellatore, ed un Merlo ../Di un Figliuolo, ed il Padre IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di Giove, ed un Villano
Di un'Ucellatore, ed un Merlo Di un Figliuolo, ed il Padre
[p. 116 modifica]

Di Giove, ed un Villano. 30


Andando un Pellegrino in un lungo viaggio, fece voto se trovava per istrada alcuna cosa darne la metà a Giove. Trovando un canestro di dattoli, e mandorle pieno: tutti i dattoli, e mandorle si mangiò, e le scorze presentò ad un altare di Giove, dicendo: O Giove ecco quello, che ti ho promesso, io dò a te le scorze, e le midolle a me di quel, che ho trovato.

Sentenza della favola.

Questa favola dimostra l’Avaro, per avarizia gabbare ancora Dio.